Home Page > Storico > Air News
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
di Ricardo Baldassarre del 30/04/2010 ore 22:44:46, in Air News, linkato 677 volte
 
Il 1° maggio 2010 Thai Airways International Public Company Limited rivivrà il suo storico primo volo come parte della celebrazione del 50° anniversario, sulla rotta Bangkok - Hong Kong, con uno speciale menu in volo, souvenirs e altre attività di bordo.

Mr. Pruet Boobphakam, Vice Presidente Esecutivo Commerciale di Thai, ha detto che il 1° maggio 2010 la Società rivivra’ il suo primo storico volo sulla rotta da Bangkok a Hong Kong come parte della celebrazione per il suo 50° anniversario. Durante questo speciale "Nostalgic Flight"i passeggeri sperimenteranno il primo volo THAI, come volato 50 anni fa, il 1° maggio 1960 anche se nel 2010 si viaggerà a bordo di un Boeing 747-400 ridipinto nella livrea originale, come quella vista sul DC- 6B nel 1960.

THAI offre uno speciale pacchetto turistico Royal Orchid Holidays per i clienti che desiderano sperimentare questo evento. I servizi passeggeri del volo “Nostalgia” inizieranno dal momento del loro arrivo al check-in, passando poi ai servizi di bordo con particolare selezione di menu su misura. Inoltre i passeggeri riceveranno una collezione di souvenir THAI's 50° anniversario che includono francobolli commemorativi e l'originale carta d'imbarco THAI.

Nel ricreare un'atmosfera di nostalgia, l'equipaggio di cabina THAI sarà inoltre equipaggiato con la divisa di quel periodo. Nel menu’ preparato appositamente per i passeggeri di questo volo unico, THAI ha basato la sua scelta sul menù originale servito a bordo del suo primo volo per Hong Kong.

Le portate principali di prima classe saranno composte da Lobster Medallion Bellevue servita con insalata russa nel pomodoro Corona e Snapper affumicato marinato con salsa di senape servita con erbe tailandesi come spicchi di lime, scalogno, arachidi, zenzero, peperoncino e fette di cipollotto.

Per il menu’ principale i passeggeri di prima classe comprende inoltre Aragosta in salsa di Chu-Chee e brasati di manzo Cubed Hong Kong Style.

Per gli altri passeggeri, la selezione del menu’principale comprende gamberi in Chu-Chee al curry con riso al vapore gelsomino tailandese Thai servita con frittata e verdure saltati in padella o brasato di manzo Cubed Hong Kong-Style con tagliatelle all'uovo condita con peperoncino rosso a julienne e kalian con salsa di ostriche.

THAI anche trattare tutti i passeggeri in partenza Bangkok su tutti i voli THAI il 1° maggio 2010, un croccante di cocco Golden Roll per il dessert, che saranno serviti in contenitori speciali THAI che i passeggeri potranno tenere come souvenir commemorativi.

 
di Riccardo Sardeni del 25/04/2010 ore 18:10:11, in Air News, linkato 1001 volte
 
In questo numero:

CEBU PACIFIC ORDINA ULTERIORI AIRBUS A320
ACCORDO DI PARTNERSHIP TRA ALITALIA E AIR ITALY
PRIMO A-CHECK DI UN AIRBUS DI LIVINGSTON EFFETTUATO DA LUFTHANSA TECHNIK
ALTROCONSUMO: AEROPORTO DI BOLOGNA PRIMO IN ITALIA






CEBU PACIFIC ORDINA ULTERIORI AIRBUS A320
La compagnia continua la propria espansione nella regione Asia

Cebu Pacific (CEB), compagnia aerea delle Filippine, ha siglato un ordine fermo con Airbus per ulteriori sette aeromobili A320. Questo ultimo contratto porta a 22 il numero di aeromobili della Famiglia A320 in ordine e per i quali la consegna è prevista tra la fine del 2010 e il 2014.

Equipaggiati con motori CFM 56, i nuovi aeromobili si aggiungeranno all´attuale flotta di aeromobili della Famiglia A320 e saranno operati sulle rotte domestiche e regionali dell´ampio network della compagnia low cost.

"La Famiglia A320 offre la giusta combinazione tra costi operativi ridotti, tempi di scalo rapidi e alti livelli di comfort per i passeggeri", ha dichiarato Lance Gokongwei, Presidente e CEO di Cebu Pacific. "Queste caratteristiche ci permettono di offrire ai nostri passeggeri un prodotto competitivo e di qualità, che utilizzeremo su più destinazioni e su più mercati all´interno della regione in base alla continua crescita della nostra flotta", ha concluso Gokongwei.

Cebu Pacific, con sede a Manila, attualmente opera 21 aeromobili della Famiglia A320, con un´età media per la flotta di appena 2,8 anni. La compagnia attualmente vola verso 33 destinazioni domestiche e 14 città all´interno della regione Asia.



ACCORDO DI PARTNERSHIP TRA ALITALIA E AIR ITALY

Roma, 16 aprile 2010 - Il Presidente e Amministratore Delegato di Air Italy, Giuseppe Gentile, il Direttore Marketing, Revenue Management e Network di Alitalia, Andrea Stolfa, il Direttore Commerciale e Finanziario di Air Italy, Alessandro Notari e il Direttore Vendite Italia di Alitalia, Marco D’Ilario, hanno presentato oggi il nuovo accordo di partnership tra le due compagnie.

La collaborazione prevede l’attivazione dal 3 maggio di un code-share in base al quale Alitalia e Air Italy opereranno con doppio codice, Alitalia “AZ” e  Air Italy “I9”, voli di linea domestici su 10 aeroporti italiani: Bari, Bergamo, Catania, Genova, Napoli, Olbia, Palermo, Roma, Torino e Verona.

La partnership consente ad Alitalia e Air Italy di incrementare in modo significativo la propria offerta commerciale su numerosi aeroporti in Italia, tra i quali, in particolare, Torino, Verona e Bergamo. Si amplia, pertanto, il portafoglio di rotte point-to-point soprattutto per le direttrici Nord - Sud del Paese e il numero di frequenze giornaliere offerte. I clienti di Alitalia e di Air Italy potranno, così, contare su una scelta molto più ampia delle combinazioni dei voli e degli orari.




In particolare, l’accordo si applica a 15 collegamenti nazionali per 150 frequenze settimanali:

•    tra Bergamo “Orio al Serio” e Napoli (12 frequenze settimanali) e tra Bergamo “Orio al Serio” e Olbia (4 frequenze settimanali).
•    tra Verona e Catania (10 frequenze settimanali), tra Verona e Palermo (7 frequenze settimanali), tra Verona e Napoli (18 frequenze settimanali) e tra Verona e Bari (11 frequenze settimanali).
•    tra Torino e Catania (12 frequenze settimanali) e tra Torino e Olbia (7 frequenze settimanali).
•    tra Genova e Palermo (7 frequenze settimanali) e tra Genova e Olbia (4 frequenze settimanali).
•    tra Olbia e Napoli (10 frequenze settimanali), tra Olbia e Catania (7 frequenze settimanali) tra Olbia e Bari (6 frequenze settimanali).
•    tra Verona e Roma (17 frequenze settimanali).
•    tra Torino e Roma (18 frequenze settimanali).

Alitalia e Air Italy stanno valutando altre aree di possibile cooperazione e la possibilità di estendere la partnership ad altre rotte, anche di lungo raggio.

Andrea Stolfa, Direttore Marketing, Revenue Management e Network di Alitalia, ha dichiarato: “L'accordo con Air Italy rappresenta un importante ulteriore sviluppo del network di Alitalia perché consente di consolidare la forza della Compagnia sul mercato italiano, in particolare sulle rotte point-to-point, e di collegare l'Italia alle più importanti destinazioni turistiche mondiali”.

Giuseppe Gentile, Presidente e Amministratore Delegato di Air Italy ha dichiarato: “L’accordo con Alitalia ci consente di ampliare il numero delle destinazioni servite e delle frequenze offerte, andando incontro alle esigenze sempre crescenti della nostra clientela. L’assonanza dei colori, delle livree e dei rispettivi marchi attribuisce alla partnership la caratteristica di una affermazione di compagnie italiane sul proprio territorio nazionale”.



PRIMO A-CHECK DI UN AIRBUS DI LIVINGSTON EFFETTUATO DA LUFTHANSA TECHNIK

E’ stato un Airbus A330-200 di Livingston il primo aeromobile wide-body a ricevere manutenzione nella prima base italiana di Lufthansa Technik a Milano Malpensa. Grazie al recente processo di ammodernamento della propria flotta, Livingston è, ad oggi, uno degli operatori di Airbus A330-200 e A321-200 più affidabili e moderni al mondo. Inoltre, check ed ispezioni frequenti ed accurati hanno permesso alla sua flotta di ottenere ottimi risultati in termini di Affidabilità Tecnica (Operational Dispatch Reliability), collocandosi tra le migliori compagnie aeree a livello mondiale nel corso degli ultimi anni.

“Lufthansa Technik è nostro partner da molto tempo, scelto grazie alla comprovata validità che vanta nel suo settore. Effettuare un controllo di sicurezza e affidabilità tecnica prioritario come il Check di tipo A direttamente presso la base madre di Milano Malpensa crea un significativo beneficio alla pianificazione operativa, in quanto ottimizza i processi di manutenzione in termini di logistica e tempistiche”, commenta Giancarlo Celani, Amministratore Delegato di Livingston SpA.



ALTROCONSUMO: AEROPORTO DI BOLOGNA PRIMO IN ITALIA

Il mensile dell’associazione di consumatori Altroconsumo assegna all’Aeroporto di Bologna il primo posto tra gli aeroporti italiani per qualità delle infrastrutture, facilità di accesso ai gates e sicurezza. A decretare il successo del ‘Marconi’, un’inchiesta condotta presso 10 mila viaggiatori di cui 2.900 italiani, su 150 aeroporti nel mondo.

Secondo l’inchiesta, pubblicata oggi sul sito dell’associazione, lo scalo bolognese si distingue soprattutto per il comportamento del personale addetto ai controlli di sicurezza, che ottiene il 47% di passeggeri molto soddisfatti, e per la chiarezza della segnaletica, che ottiene il 44%.

Se è vero che gli aeroporti italiani si piazzano mediamente nella parte bassa della classifica, va anche detto che l’Aeroporto di Bologna, con il suo 61° posto complessivo, si piazza davanti a scali ben più ‘blasonati’, come ad esempio il JFK di New York (75°), il Londra Heatrow (85°) e il Parigi Charles de Gaulle (136°).

I dati raccolti da Altroconsumo confermano in buona sostanza quanto già emerso per il 2009 dall’analisi sulla soddisfazione complessiva del passeggero effettuata dalla società indipendente BDS per Sab.

Il riconoscimento dell’associazione di consumatori, inoltre, arriva dopo che nel 2009 l’Aci Europe, l’associazione europea dei gestori aeroportuali che raccoglie 440 aeroporti di 45 paesi, ha premiato l’Aeroporto di Bologna con il “Best Airport Awards” nella categoria da uno a cinque milioni di passeggeri.


La Sacbo non ci sta!

La classifica stilata dal mensile Altroconsumo ha provocato la Sacbo, la società che gestisce l’aeroporto di Bergamo che ha replicato con una nota stampa.

“In relazione al rapporto curato da Altroconsumo sulla qualità degli aeroporti, va rilevato che l’indagine in oggetto prende in esame un periodo caratterizzato da lavori di adeguamento dell’aerostazione di Orio al Serio, che hanno comportato inevitabili disagi, in buona parte contenuti grazie alla professionalità e alla preparazione del personale e degli addetti ai servizi aeroportuali –ha spiegato l’Ufficio stampa della Società.

“D’altronde la realizzazione del nuovo terminal, con spazi rapportati al flusso di passeggeri costantemente aumentato negli ultimi anni, risponde proprio alla necessità di fornire livelli di qualità che hanno fatto preferire sempre più nel corso degli anni lo scalo bergamasco, decentrandone il successo nel panorama del trasporto aereo.

Le indagini periodicamente svolte tra i passeggeri che utilizzano l’aerostazione di Orio al Serio, affidate a preminenti società di rilevazioni statistiche, confermano l’apprezzamento generale dei servizi. Tuttavia i rapporti come quello prodotto da Altroconsumo rappresentano preziosi indicatori per integrare le valutazioni e le percezioni dell’utenza, permettendo di focalizzare l’attenzione su aspetti che risultano meno positivi.

Quanto alle voci che, nell’indagine Altroconsumo, penalizzano parzialmente il giudizio sull’Aeroporto di Bergamo Orio al Serio, va evidenziato come l’abolizione del check-in aeroportuale per Ryanair abbia condotto, al di là dei problemi generati dalla necessaria fase di avvio del nuovo servizio, ad una sostanziale minore prevedibilità dei tempi di presentazione dei passeggeri al controllo bagagli a mano ed al minor anticipo sul volo con cui il passeggero medio arriva in aeroporto (i passeggeri che arrivano con più di 2 ore di anticipo si sono ridotti dal 50 al 40%. in un anno).

Dal punto di vista della qualità del servizio offerto, si sottolinea il positivo effetto atteso per il 2010 dalla recente attivazione delle nuove aree imbarchi e sicurezza che, nonostante l’incremento preventivato di passeggeri, conduce al miglioramento degli indicatori attinenti la disponibilità di toilette, posti a sedere e metri quadrati a passeggero.

Sacbo si dice certa che le future rilevazioni faranno guadagnare posizioni all’Aeroporto di Orio al Serio, riconoscendone i livelli di efficienza, l’accessibilità, la chiarezza delle informazioni, la disponibilità del personale e la pulizia degli ambienti – ha concluso l’ufficio stampa dell’aeroporto.


 
di Riccardo Sardeni del 08/04/2010 ore 06:26:41, in Air News, linkato 975 volte
 
In questo numero:

DUE NUOVI AIRBUS A320 PER LA FLOTTA ALITALIA
ECCO I NUOVI VOLI AIR ONE DA MALPENSA
RYANAIR: I RISPARMI DI MARIA CALZETTA?
SI CHIAMA "CITTA' DI L'AQUILA" IL NUOVO AIRBUS A320 ALITALIA
HONG KONG AIRLINES CONFERMA L'ORDINE PER SEI A330-200



DUE NUOVI AIRBUS A320 PER LA FLOTTA ALITALIA
Roma, 30 marzo 2010 – Sono entrati in servizio due nuovi Airbus A320, battezzati “Giovanni Verga” e “Ugo Foscolo”.
Diventano quindi 37 i nuovi Airbus A320 della flotta di Alitalia che conta complessivamente 155 aeromobili.


Gli Airbus A320 di Alitalia rappresentano, nell’ambito della loro classe, il top della gamma anche in termini di comfort e design. Le 165 poltrone slim rivestite in pelle dei nuovi A320 sono dotate di schermi LCD individuali per un intrattenimento di bordo personalizzato e hanno caratteristiche ergonomiche che garantiscono la massima comodità e maggiore spazio per i passeggeri.

E’ inoltre in corso la riconfigurazione, con nuove poltrone, di tutti gli altri Airbus della flotta Alitalia. Entro l’estate, tutta la flotta Airbus di breve e medio raggio sarà equipaggiata con poltrone in pelle di nuova generazione.

Gli Airbus A320 di Alitalia sono dotati di tecnologie e motori di ultima generazione, contraddistinti dal logo verde “Environmentally Friendly”, che consentono una riduzione del rumore e un minore consumo di carburante, in linea con i più rigorosi standard internazionali.


Nel 2010 proseguirà il piano di rinnovamento della flotta con l’ingresso di ulteriori Airbus A320 per il corto/medio raggio e di 2 Airbus A330 per il lungo raggio che saranno dislocati presso l’aeroporto di Milano Malpensa.



ECCO I NUOVI VOLI AIR ONE DA MALPENSA
Già 250 mila biglietti venduti

E’ decollato alle ore 7.00 di domenica 28 marzo, con 165 passeggeri a bordo, il volo AP134 Milano Malpensa - Palermo, il primo dei nuovi voli di Air One che collegheranno Malpensa con 9 destinazioni domestiche e 5 internazionali.
 
Lorenzo Caporaletti, Responsabile del Progetto Air One di Alitalia, ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti di come stanno procedendo le vendite dei nuovi voli di Air One. Sono già 250 mila (domenica 28 marzo ndr) i biglietti acquistati, un risultato che conferma la validità della scelta del Gruppo Alitalia di specializzare Air One su Milano Malpensa con un prodotto innovativo”.
 
Il network delle destinazioni da Malpensa prevede oltre 200 voli alla settimana (250 nei mesi di luglio e di agosto), operati con 5 nuovi Airbus A320. La compagnia vola verso 9 destinazioni nazionali e 5 destinazioni internazionali:
 
- Bari, Catania e Palermo, 2 voli giornalieri dal 28 marzo;
- Napoli, 2 voli giornalieri dal 28 marzo che diventano 3 dal 9 aprile;
- Brindisi, Lamezia Terme e Trapani, un volo al giorno dal 16 aprile;
- Alghero, 3 voli settimanali dal 14 maggio, 1 volo quotidiano dal 19 luglio;
- Olbia, un volo al giorno dal 19 luglio al 12 settembre;

- Il Cairo, Tirana e Tunisi, un volo giornaliero dal 28 marzo;
- Palma di Maiorca e Ibiza, un volo al giorno dal 19 luglio al 12 settembre.
 
I voli Air One su Malpensa consentono di viaggiare a partire da 25 euro per i voli nazionali e da 69 euro per quelli internazionali, senza dover rinunciare alla qualità del servizio.
 
Air One offre infatti, senza costi aggiuntivi, l’assegnazione del posto, il trasporto della valigia, l’accumulo di punti MilleMiglia, il check-in via web o in aeroporto, la combinabilità del volo con il network Alitalia da Malpensa e la possibilità di acquistare i biglietti sia direttamente - attraverso il nuovo sito Internet www.flyairone.it  e il call center dedicato (al numero 199.20.70.80) - sia attraverso le agenzie di viaggio.
 
I voli di Air One decollano e atterrano al Terminal 1 dell’Aeroporto di Malpensa, direttamente collegato al treno che raggiunge il centro di Milano in poco più di mezz’ora di viaggio.




RYANAIR: I RISPARMI DI MARIA CALZETTA?

Ryanair ha annunciato che installerà distributori automatici a bordo dei suoi 225 aeromobili, in modo da ridurre ulteriormente i costi e aumentare i ricavi accessori offrendo una maggiore scelta per i passeggeri. A partire da giugno 2010 i passeggeri di Ryanair potranno acquistare bevande calde e fredde, panini, snack, gelati, preservativi (se ne sentiva la mancanza, ndr) e le “sigarette senza fumo” direttamente dai distributori automatici installati a bordo.

Ryanair ritiene che la graduale installazione dei distributori automatici consentirà di ridurre il numero del personale di bordo (da quattro a due) che eseguirà le dimostrazioni di sicurezza e controllerà che le cinture di sicurezza dei passeggeri siano correttamente allacciate. I consistenti risparmi derivanti da questa iniziativa si tradurranno in tariffe sempre più basse per i passeggeri.



“Ryanair è lieta di annunciare l’installazione dei distributori automatici a bordo, che offriranno ai passeggeri una vasta scelta di snack e bevande, consentendoci di ridurre il personale a bordo, abbassare i costi e offrire ai viaggiatori tariffe sempre più basse – ha detto  Stephen McNamara. “Siamo sicuri che i nostri distributori automatici ed equipaggi più efficienti avranno molto successo quest’estate.”

Nella foto, in occasione del lancio dei nuovi distributori automatici di Ryanair,  le hostess Naomi (a sinistra) e Jana (a destra).



SI CHIAMA "CITTA' DI L'AQUILA" IL NUOVO AIRBUS A320 ALITALIA

Si chiama “Città di L’Aquila” il nuovo Airbus A320 di Alitalia entrato in servizio nei primi giorni di aprile. Attribuendo all’ultimo degli aerei entrati in flotta il nome del capoluogo abruzzese la compagnia vuole manifestare la propria solidarietà e la propria vicinanza ai cittadini colpiti dal terremoto che ricorre martedì 6 aprile.



Con il nuovo aereo prosegue il piano di rinnovamento della flotta Alitalia che conta oggi 156 aeromobili. “Città di L’Aquila” volerà sulle rotte domestiche, europee e del Bacino del Mediterraneo del network Alitalia.




HONG KONG AIRLINES CONFERMA L'ORDINE PER SEI A330-200
La compagnia inizia ad operare sulle rotte a lungo raggio verso l’Europa

Hong Kong Airlines ha finalizzato con Airbus un ordine fermo per sei aeromobili A330-200. La firma del contratto conferma la Lettera d’Intenti siglata all’inizio dell’anno in occasione del Salone dell’Aeronautica di Singapore. Gli aeromobili saranno equipaggiati con motori PW 4000.

Ad oggi Hong Kong Airlines ha in ordine una flotta di 23 aeromobili A330, di cui il primo esemplare sarà consegnato nel secondo trimestre dell’anno 2010. L’aeromobile sarà inizialmente utilizzato sulle rotte già esistenti e successivamente operato sui nuovi collegamenti verso l’Europa.

Nata nel 2006, Hong Kong Airlines opera attualmente una rete di collegamenti regolari sulle rotte che collegano Hong Kong con le maggiori destinazioni in Cina e la regione Asiatica. Oltre agli Airbus A330, la compagnia ha in ordine 30 aeromobili a corridoio singolo della Famiglia A320, che saranno consegnati in futuro.




 
di Riccardo Sardeni del 15/03/2010 ore 07:57:26, in Air News, linkato 718 volte
 
In questo numero:

UNITED SIGLA ORDINE FERMO PER 25 AIRBUS A350 XWB
SUSI AIR TRIPLICA LE SUE ALI ITALIANE
AIRBUS INCREMENTA PRODUZIONE DEGLI A320 EDE
TAP PORTUGAL: 84 COLLEGAMENTI DALL’ITALIA PER LA STAGIONE ESTIVA









UNITED SIGLA ORDINE FERMO PER 25 AIRBUS A350 XWB
La compagnia aerea diventa il trentatreesimo cliente per il nuovo modello Airbus

United ha formalizzato un impegno d’acquisto annunciato lo scorso dicembre, firmando un ordine fermo per 25 aeromobili A350XWB, il nuovissimo widebody bimotore di Airbus. Gli aeromobili saranno equipaggiati con motori Trent XWB di Rolls-Royce e la loro consegna inizierà nel 2016 per proseguire fino a tutto il 2019.

“Questo è l’ultimo capitolo di una collaborazione che attraversa due decenni”, ha dichiarato John Leahy, COO – Clienti di Airbus. “Dalla consegna alla compagnia del primo A320 nel novembre 1993 ad oggi, Airbus e United hanno lavorato con successo per superare insieme i periodi più impegnativi del mercato. Il fatto che una delle più importanti compagnie aeree del mondo lo abbia selezionato per essere parte integrante del proprio futuro è un attestato di fiducia significativo nei confronti dell’A350 XWB”, ha concluso Leahy.

“Con questo ordine stiamo investendo sul futuro di United, acquistando un aeromobile widebody che ci aiuterà a ridurre i costi operativi e allo stesso tempo assicurerà un comfort di ultima generazione ai nostri clienti”, ha dichiarato John Tague, Presidente di United Airlines. “L’A350XWB ci aiuterà a ridurre i consumi di carburante e il nostro complessivo impatto sull’ambiente rispetto agli aeromobili di una precedente generazione”, ha concluso Tague. 

“Questo ordine rappresenta una conferma significativa per la nostra tecnologia Trent XWB e per i vantaggi operativi che assicura ai vettori. Siamo lieti  che United Airlines abbia scelto di affidarsi alla nostra tecnologia”, ha dichiarato Mark King, Presidente – Civil Aerospace Rolls-Royce.

L’A350 XWB è una nuova Famiglia di aeromobili widebody di media grandezza. L’aeromobile estremamente efficiente combina la più avanzata aerodinamica, design, e tecnologie che assicurano il 25% di consumo di carburante in meno rispetto agli attuali aeromobili della stessa categoria. La fusoliera dell’A350 XWB sarà per il 53% composta da materiali compositi, rendendo così l’aeromobile più leggero e più efficiente. Caratterizzato da una cabina completamente riprogettata e silenziosa, l’aeromobile garantisce maggiore spazio e confort, grandi oblò panoramici e maggiore spazio nelle cappelliere.

Le tre versioni passeggeri assicurano lungo raggio e flessibilità. L’A350-800 trasporterà 270 passeggeri in tre classi per 8300mn. L’A350-900 con 314 posti e l’A350-1000 con 350 posti assicureranno anche essi la stessa autonomia.

Gli ordini per l’A350 sono ad oggi 530. L’assemblaggio del primo aeromobile è previsto per il 2011 con la prima consegna (A350-900) nel 2013.



SUSI AIR TRIPLICA LE SUE ALI ITALIANE
PIAGGIO AERO E SUSI AIR FIRMANO UN ACCORDO PER DUE ULTERIORI  P180 AVANTI II PIU'UN OPZIONE

Singapore 4 Febbraio 2010

Susi Air e Piaggio Aero Industries hanno annunciato oggi, al termine del Singapore Air Show, l'accordo per altri due P180 Avanti II consegnati in  Indonesia. Susi Air ha ordinato 2 P180 Avanti II firmando un accordo per 1 ulteriore opzione.

I due nuovi Avanti II sono stati selezionati da Susi Air dopo un ampio processo di valutazione che ha preso in considerazione le prestazioni, l'efficienza e l'affidabilità del primo Piaggio Aero P180 Avanti II  utilizzato da Susi Air a partire dal luglio 2009. I nuovi velivoli P180 Avanti II entreranno a far parte della flotta Susi Air esistente nel primo trimestre 2010.

Susi Pudjiastuti, fondatore, proprietario e amministratore delegato di Susi Air, ha dichiarato: "Siamo lieti di annunciare che Susi Air ha deciso di far crescere la propria flotta con 2 nuovi Piaggio Aero P180 Avanti II. La nostra scelta è stata prevalentemente in base alle esigenze dei nostri clienti in quanto il velivolo Piaggio Aero ci permetterà di aumentare le frequenze e avviare nuove rotte al minor costo possibile, offrendo ai nostri passeggeri un elevato livello di comfort. Siamo stati molto soddisfatti di operare con il nostro primo P180 e dopo un'attenta analisi delle attuali e future esigenze, siamo giunti alla conclusione che il P180 Avanti II è  adatto per questo scopo. Grazie al suo design unico e alle sue caratteristiche, ci sembra che Piaggio Aero P180 Avanti II sia l'aereo ideale per tutte le nostre diverse applicazioni ".

"Siamo molto lieti che Susi Air abbia scelto due Piaggio Aero P180 Avanti per rafforzare la sua flotta di aeromobili dedicati al trasporto executive. E un importante segnale di soddisfazione e'stato riscosso anche tra i clienti di Susi Air con il velivolo Piaggio Aero gestiti da questo operatore di successo indonesiano dal 2009. Ci rende particolarmente orgogliosi del fatto che questo accordo conferma la soddisfazione del cliente con i nostri aerei e l'apprezzamento, in tutto il mondo, di alta tecnologia dei prodotti Made in Italiy ", ha dichiarato Alberto Galassi, amministratore delegato di Piaggio Aero. "Sappiamo che il P180 Avanti II è stato selezionato da Susi a causa della sua ineguagliabile flessibilità operativa, l'efficienza dei costi, le prestazioni e anche perché è l'aereo più ecologico per l'aviazione d'affari" ha sottolineato Galassi.



AIRBUS INCREMENTA PRODUZIONE DEGLI A320 EDE
Hawaiian Airlines ordina un nuovo airbus A330-200

Nel 2010 il numero totale delle consegne si manterrà al livello record dell’anno precedente

A partire da dicembre 2010 Airbus porterà da 34 a 36 aeromobili la produzione mensile di velivoli a corridoio singolo della Famiglia A320. La produzione della Famiglia A330/A340 a lungo raggio sarà mantenuta all’attuale livello di otto unità al mese.

La decisione di Airbus di aumentare la produzione degli aeromobili a corridoio singolo è determinata dalla domanda crescente per questi velivoli eco-efficienti e da un portafoglio ordini record di 2.300 aeromobili della Famiglia A320.

Nel 2009 Airbus ha consegnato un totale di 498 aeromobili, di cui 402 a corridoio singolo, due nuovi record per l’azienda in un solo anno. Per il 2010 Airbus ha l’obiettivo di mantenere un livello di consegne simile a quello raggiunto nel 2009.

La Famiglia A320, composta dai modelli a corridoio singolo A318, A319, A320 e A321, è leader del mercato a livello mondiale tra gli aeromobili del suo segmento. Con più di 6.500 aeromobili venduti, più di 4.200 consegnanti a più di 300 clienti e operatori in tutto il mondo, è il jetliner più venduto al mondo nel proprio segmento.

Per una flotta più eco-efficiente
Hawaiian Airlines, nuovo operatore Airbus a partire dalla primavera 2010, ha siglato un ordine fermo per un ulteriore aeromobile A330-200. Questo nuovo ordine si aggiunge a quello precedente per sei A330-200 e sei A350 XWB-800, più ulteriori tre A330 in leasing che entreranno a far parte della flotta Airbus di Hawaiian.

L’aeromobile appena ordinato sarà consegnato nel 2011 e trasporterà 294 passeggeri in una confortevole configurazione in due classi. Tutti gli aeromobili Airbus operati dalla compagnia saranno equipaggiati con motori Rolls-Royce Trent.

Il bireattore A330 è uno dei più comuni bimotori wide body oggi in servizio. Ad oggi Airbus conta ordini per oltre 1.000 aeromobili di questo tipo, con oltre 600 apparecchi già consegnati e attualmente in servizio presso 80 clienti.



TAP PORTUGAL: 84 COLLEGAMENTI DALL’ITALIA PER LA STAGIONE ESTIVA
TAP conferma le destinazioni del network nell’orario estivo in vigore dal 28 marzo al 31 ottobre 2010 e punta su Brasile e Africa

Roma, 10 marzo – TAP Portugal, vettore membro di Star Alliance, ha presentato il nuovo orario estivo e confermato tutte le destinazioni del network. TAP opererà dall’Italia 84 collegamenti settimanali in partenza dagli scali di Bologna, Milano Malpensa, Milano Linate, Roma e Venezia verso il proprio hub di Lisbona (63 frequenze) e la città di Oporto (21 frequenze). TAP consolida, inoltre, la propria posizione di vettore di riferimento per il Brasile, con 8 destinazioni da Lisbona e Oporto, e porta a 70 le frequenze verso questo paese grazie ai nuovi voli verso l’Aeroporto di Viracopos (San Paolo).


Infine per l’estate 2010 la compagnia punta a posizionarsi quale vettore preferenziale verso il continente africano, inaugurando, a partire da giugno 2010, le nuove rotte di Marrakech e Algeri.


Brasile e Sud America
Sfruttando la posizione geografica strategica del proprio hub di Lisbona, crocevia tra i due continenti, TAP è vettore di riferimento per il traffico aereo tra l’Europa e il Sud America. Tale leadership è stata riconosciuta in occasione dei World Travel Awards 2009 con il conferimento alla compagnia del premio Compagnia Aerea Leader Mondiale per il Sud America. Inoltre a partire da giugno 2010, grazie ai tre nuovi voli per l’Aeroporto di Viracopos (San Paolo), TAP porterà a quota 70 il numero totale di voli settimanali, servendo 9 aeroporti in Brasile e confermandosi vettore europeo di riferimento per il maggior numero di frequenze operate verso il paese.

Continente Africano
TAP diversifica la propria offerta verso l’Africa collegando Casablanca (Marocco), Bissau (Guinea- Bissau), Dakar (Senegal), Luanda (Angola), Sal e Praia (Capo Verde), Sao Tomé (Sao Tomé e Principe), Maputo (Mozambico) e Johannesburg (Sudafrica). In occasione dei Campionati Mondiali di Calcio, dal 9 giugno al 17 luglio, saranno potenziati i collegamenti per Johannesburg. TAP conferma inoltre la strategia di espansione con l’introduzione, a partire da giugno 2010, di 3 voli settimanali verso Marrakech (Marocco) e altri 3 per Algeri (Algeria), portando a 11 le destinazioni servite in 9 paesi africani. TAP offrirà complessivamente 58 frequenze settimanali dal proprio hub di Lisbona, ponendosi come uno dei principali vettori europei a operare verso il continente africano, unico segmento del network che fin dal 2001 ha registrato una crescita costante.

 
di Riccardo Sardeni del 08/03/2010 ore 08:57:27, in Air News, linkato 703 volte
 

100 ANNI DI UN PILOTA DEL 4° STORMO
Domenica 14 marzo, il Serg.Magg. Raffaele Chianese ha compiuto 100 anni

E' stato un importante "personaggio" dell'aviazione italiana, sia militare che civile, il figlio Fulvio è stato Comandante a lungo raggio dell'Alitalia




 




ASSOCIAZIONE CULTURALE 4° STORMO
Gorizia, 7 marzo 2010

Domenica 14 marzo, il serg.magg. Raffaele Chianese (nato a Calvizzano), residente a  Gorizia ha compiuto 100 anni: è l'unico superstite del gruppo di 64 piloti che nel settembre 1931 giunsero a Gorizia per costituire il 4° Stormo Caccia della Regia Aeronautica italiana.
Ha avuto come pilota da caccia una vita più che avventurosa: partecipando alla Guerra di Spagna è stato abbattuto e, fatto prigioniero, è scampato alla pena di morte grazie ad uno scambio di prigionieri, nel corso della Guerra d'Africa ha assistito all'abbattimento dell'aereo di Italo Balbo, al rientro in Italia è stato istruttore della Scuola Caccia e nel dopoguerra è stato richiamato in servizio dalla neo Aeronautica Militare per istruire le nuove leve di piloti a Brindisi ed a Lecce, attività che ha proseguito da civile nell'aero club “Falco” di Ronchi dei Legionari fondato negli anni '50 da Furio Lauri.



Per festeggiarlo parenti ed amici si sono stretti attorno a lui nel pomeriggio del 14 marzo a casa del figlio Fulvio a Gorizia, mentre sempre a Gorizia al Bar “Alle Ali”nella Sala 4° Stormo alle 11,30 è stato presentato – dai curatori Fulvio Chianese (figlio), Carlo d'Agostino e Roberto Rossetti - il suo libro di memorie “Primo e Ultimo” edito dall'Associazione Culturale 4° Stormo.








Addetto Stampa C. d'Agostino

 
di Riccardo Sardeni del 21/02/2010 ore 18:09:00, in Air News, linkato 779 volte
 
In questo numero:

TAP VINCE IL PREMIO PIANETA TERRA 2010 DELL’UNESCO
ALITALIA PRESENTA IL PIANO TRIENNALE DI SVILUPPO SUGLI AEROPORTI MILANESI
WIZZ AIR AMPLIA I SUOI OPERATIVI IN ROMANIA
AVIO: CONTRATTO PER LA REVISIONE DEI MOTORI DELL'AEROLINEA TAROM







TAP VINCE IL PREMIO PIANETA TERRA 2010 DELL’UNESCO

Roma, 18 febbraio 2010 – TAP Portugal, vettore membro di Star Alliance, ha ricevuto dall’UNESCO e dall’Unione Internazionale di Scienze Geologiche il Premio Pianeta Terra 2010, nella categoria “Prodotto Sostenibile più Innovativo”, per il Programma di Compensazione delle Emissioni di biossido di carbonio (CO2).

TAP è stata la prima compagnia aerea al mondo a lanciare, il 5 giugno 2009 (Giornata Mondiale dell’Ambiente), il Programma di Compensazione delle Emissioni di CO2, in partnership con la IATA  (International Air Transport Association).  Il programma offre ai passeggeri la possibilità di compensare volontariamente le emissioni di CO2 derivanti dai propri voli, contribuendo allo sviluppo di progetti sostenuti da TAP per la riduzione delle emissioni nei paesi in via di sviluppo. Per aderire al programma e per maggiori informazioni è possibile consultare il sito:
www.flytap.com
 
“Il Programma di Compensazione delle Emissioni di CO2 di TAP Portugal è stato esaminato dal Comitato dell’International Year of Planet Earth (IYPE) che lo ha giudicato un progetto innovativo, un grande passo avanti verso un’aviazione sostenibile”, ha sottolineato Luisa Sousa Otto, Project Manager dell’UNESCO per l’International Year of Planet Earth, in occasione della consegna del premio a Fernando Pinto, CEO di TAP.

“Questo premio è per noi motivo di grande soddisfazione e orgoglio. L’ambiente è stato, infatti, una delle nostre priorità nell’anno appena passato e continuerà ad esserlo anche durante il 2010 e questo riconoscimento valorizza gli sforzi messi in atto dalla nostra compagnia per la tutela ambientale. L’industria del trasporto aereo ha fatto in tale ambito passi significativi, che dimostrano la crescente preoccupazione e attenzione per le questioni ambientali, attraverso il lancio di progetti concreti e misure efficaci per la tutela dell’ambiente” ha dichiarato Fernando Pinto, CEO di TAP.

Oltre al Programma di Compensazione delle Emissioni, TAP ha attuato altre iniziative per promuovere la tutela ambientale, tra cui il progetto Agir Eco mirato a coinvolgere e mobilitare tutti i dipendenti TAP in iniziative concrete di tutela ambientale nelle attività quotidiane. Con il suo impegno per la tutela ambientale TAP si conferma leader tra le imprese sostenibili nella classifica stilata dal Ministero dei Lavori Pubblici, dei Trasporti e delle Comunicazioni.



ALITALIA PRESENTA IL PIANO TRIENNALE DI SVILUPPO SUGLI AEROPORTI MILANESI
Dal 28 marzo decollano i voli del nuovo Smart Carrier Air One. In 3 anni Alitalia raddoppierà i passeggeri trasportati su Malpensa.

Il Gruppo Alitalia ha presentato giovedì 11 febbraio nella scalo della Malpensa il piano triennale di sviluppo della propria offerta sugli scali di Milano che prevede il consolidamento dell’offerta premium di Alitalia dall’aeroporto di Linate, un nuovo collegamento intercontinentale dall’aeroporto di Malpensa e l’avvio di un nuovo modello di business per i voli di Air One, con obiettivi importanti di crescita di passeggeri e destinazioni entro il 2012. Da Malpensa, il Gruppo Alitalia offrirà un prodotto profondamente rinnovato, su misura per il passeggero business e per quello leisure, secondo un modello dual brand e customer hub, con la possibilità per il cliente di costruire, nell’ambito dello stesso aeroporto, la combinazione ideale di voli, prezzi e coincidenze.

La nuova offerta del Gruppo Alitalia sul bacino di Milano sarà operativa dal 28 marzo, data di avvio della stagione estiva 2010 e giorno dell’inaugurazione dei voli del nuovo Smart Carrier Air One dalla base di Malpensa verso 14 destinazioni in Italia e nel bacino del Mediterraneo.

All’aeroporto di Malpensa il Gruppo Alitalia è leader nell’offerta intercontinentale, offrendo 9 collegamenti diretti di cui 5 operati direttamente e 4 operati in code share con i partner SkyTeam e con Etihad.

Con la stagione estiva 2010 verrà inaugurato il nuovo volo diretto Alitalia Malpensa-Miami, l’unico a collegare le due destinazioni.

Per i voli intercontinentali Alitalia baserà a Malpensa i due nuovi Airbus A330 la cui consegna è prevista nel giugno 2010 e che esprimeranno il top della gamma offerta, anche grazie a una cabina della classe Magnifica completamente ridisegnata, con poltrone interamente reclinabili di ultima generazione.

L’offerta è completata da 4 destinazioni internazionali, di cui 2 nuove - Palma e Ibiza - e 10 destinazioni nazionali, di cui 5 nuove - Brindisi, Lamezia Terme, Trapani, Olbia e Alghero -. Verranno infine intensificati i collegamenti tra Malpensa e Fiumicino.

Malpensa sarà anche la base della nuova offerta di Air One, di cui prende avvio il riposizionamento strategico secondo un modello innovativo di Smart Carrier, grazie a un’offerta di voli a tariffe particolarmente convenienti - a partire da 25 euro per le destinazioni nazionali e 70 euro per quelle internazionali - ma senza la rinuncia ai vantaggi per i passeggeri offerti dalle compagnie tradizionali (a differenza delle compagnie low cost, Air One offrirà infatti, senza costi aggiuntivi, l’assegnazione del posto, il trasporto della valigia e l’accumulo di punti Mille Miglia, e il chek-in in aeroporto).  Il nuovo modello di business di Air One da Malpensa conserva le possibilità di acquisto sia diretto, attraverso Internet e call center dedicato, che indiretto, attraverso agenzie di viaggio.

Nel 2011 Air One prevede di lanciare dieci nuove destinazioni internazionali, tra queste: Monaco, Varsavia, Budapest, Istambul e Sofia.

In tre anni il Gruppo Alitalia prevede di raddoppiare il numero di passeggeri trasportati su Malpensa -da 1,5 ml. (2009) a 3 ml. (2012) - con una crescita del 20% già nel 2010. Aumenteranno anche le destinazioni servite, da 20 a 32, e il numero dei voli, da 16.770 del 2009 a quasi 25.000 nel 2012.

Alitalia conferma il ruolo di Linate quale City Airport di Milano offrendo voli di breve e medio raggio verso destinazioni nazionali ed europee a una clientela caratterizzata da una rilevante percentuale di passeggeri business.

Da Linate, Alitalia raggiunge 24 destinazioni di cui 10 internazionali. Il piano triennale di sviluppo prevede un aumento dei passeggeri trasportati, dai 5,4 ml. del 2009 a 6 ml. nel 2012.

Nel suo complesso il piano triennale conferma la volontà del gruppo Alitalia di presidiare il mercato di Milano con un’offerta nuova, articolata in funzione dei diversi profili di domanda e fortemente orientata alla crescita.

Le destinazioni offerte da Alitalia da Milano passeranno dalle 39 del 2009 alle 47 del 2012 e il numero dei passeggeri trasportati da 6,9 ml. a 9 ml.



WIZZ AIR AMPLIA I SUOI OPERATIVI IN ROMANIA
Wizz Air, la più grande compagnia aerea low fare – low cost dell’Europa Centrale e Orientale, ha ampliato la sua flotta in Romania ed introdotto nuove rotte.

La compagnia ha basato un terzo aereo a Cluj Napoca, iniziativa che le ha permesso di lanciare nuovi voli per Cuneo/Torino (dal 10 febbraio) e Pisa (dal 12 febbraio) ed incrementare le frequenze su alcune rotte preesistenti. Il nuovo aereo sarà il settimo Airbus A320 di Wizz Air basato nello stato balcanico.

La compagnia inoltre dal 29 marzo prossimo attiverà nuovi servizi per Timisoara da Forlì Bologna. ed aggiungerà Cuneo e Pisa alla sua lista di destinazioni da Bucarest (rispettivamente a partire dal 12 e dal 27 giugno).

“Siamo molto orgogliosi di essere diventati in così poco tempo la compagnia aerea più scelta sia da parte dei passeggeri rumeni e sia da parte di quanti viaggiano in Romania - ha dichiarato György Abrán, Direttore Commerciale di Wizz Air.

“Essere la più grande compagnia in Romania non è solo questione di prestigio ma anche il nostro impegno per la crescita e lo sviluppo per il beneficio del paese e dei suoi passeggeri. Siamo fiduciosi che il terzo aereo in Cluj-Napoca rafforzerà la nostra posizione sul mercato e aggiungerà valore all’economia locale”

“Wizz Air è una compagnia con grande prospettive di crescita e una presenza capillare sui paesi dell’Europa Centro Orientale -  ha spiegato Gian Pietro Pepino, Amministratore Delegato di GEAC spa. “Il fatto che abbia scelto di operare su Cuneo e che abbia già annunciato due diverse destinazioni ci fa ben sperare per un futuro sviluppo della nostra collaborazione. I collegamenti attualmente presenti
sull’Aeroporto di Cuneo dovrebbero consentirci di superare i 150.000 passeggeri nel 2010”.


Il nuovo sviluppo consoliderà la posizione di leadership di Wizz Air in Romania. La compagnia ha trasportato 1.6 milioni di passeggeri da/per la Romania nel corso del 2009, 85% in più dell’anno precedente. Wizz Air ha complessivamente trasportato 7.8 milioni di passeggeri nel 2009.

L’attuale flotta della compagnia consiste in 28 Airbus A320 che operano da 11 basi in Polonia, Ungheria, Bulgaria, Romania, Ucraina e Repubblica Ceca.



AVIO: CONTRATTO PER LA REVISIONE DEI MOTORI DELL'AEROLINEA TAROM
 
Avio si è aggiudicata la gara per la revisione dei motori della flotta ATR, costituita da sette ATR 42-500 e due ATR 72-500, della compagnia aerea rumena Tarom. Il contratto, della durata di quattro anni e dal valore di oltre 5 milioni e mezzo di euro, prevede l’assistenza con la formula Power By The Hour (PBH). Alla gara hanno partecipato tutte le principali aziende internazionali del settore.
 
Questo contratto consolida ulteriormente il posizionamento di Avio in Europa per la manutenzione dei motori PW100. Oggi ventisette aerolinee di tutto il mondo inviano i loro PW100 presso le officine della Divisione AvioService a Pomigliano d’Arco (Napoli).


 
di Admin del 07/02/2010 ore 00:00:46, in Air News, linkato 805 volte
 
In questo numero:

HONG KONG AIRLINES ORDINA SEI AIRBUS A330-200
TARIFFE AEREE: ASSOUTENTI SEGNALA ALL’ANTITRUST IRREGOLARITA’ SUI SITI EDREAMS.IT E                          VOLAREGRATIS.IT

IL NUOVO GIOIELLO CHINA AIRLINES PER VOLARE A DELHI È UN AIRBUS A330
TURKISH AIRLINES E SPANAIR SIGLANO UN ACCORDO DI CODE SHARING
A400M: INIZIATO L’ASSEMBLAGGIO DEL 4° VELIVOLO
NUOVO VOLO EASYJET DA FIUMICINO PER DUSSELDORF


HONG KONG AIRLINES ORDINA SEI AIRBUS A330-200
La compagnia amplierà i servizi internazionali

Hong Kong Airlines ha siglato una Lettera d’Intenti per l’acquisto di sei aeromobili Airbus A330-200. Questo ultimo impegno d’acquisto porterà a quota 23 il numero totale di A330 ordinati dalla compagnia. Hong Kong Airlines prevede di utilizzare gli A330-200 per sviluppare i nuovi servizi sulle tratte dell’area Asia-Pacifico, verso il Medio Oriente e l’Europa.

“L’A330-200 offre un’autonomia e una capacità perfette per il nostro piano di espansione sui nuovi mercati a medio e lungo raggio”, ha dichiarato Yang Jian Hong, Presidente di Hong Kong Airlines. “Con l’introduzione di questi aeromobili nella nostra flotta vogliamo creare nuovi standard di confort e servizio e farsi che Hong Kong Airlines diventi un punto di riferimento per i nuovi mercati internazionali”, ha proseguito Yang Jian Hong.

Fondata nel 2006, Hong Kong Airlines opera attualmente una rete di collegamenti regolari tra Hong Kong e le maggiori destinazioni in Cina e Asia. Oltre agli A330, la compagnia ha in ordine 30 aeromobili a corridoio singolo A320 che saranno consegnati prossimamente.


TARIFFE AEREE: ASSOUTENTI SEGNALA ALL’ANTITRUST IRREGOLARITA’ SUI SITI EDREAMS.IT E VOLAREGRATIS.IT

Roma 29 gennaio 2010 – “Negli ultimi mesi sono pervenute alla nostra Associazione diverse segnalazioni in ordine ad informazioni ambigue ed ingannevoli rinvenibili sui siti che selezionano i voli aerei più economici e che svolgono anche i servizi di vendita on line dei biglietti – ha dichiarato l’Assoutenti.

Dalle indagini svolte dall’Associazione, sarebbero state riscontrate delle irregolarità di vario genere sul sito di www.edreams.it e sul sito www.volaregratis.it in merito al prezzo reale dei biglietti aerei per diverse destinazioni.
 
“In poche parole – ha spiegato il Presidente Assoutenti Mario Finzi – i due siti pubblicizzano una tariffa non corrispondente alla realtà. Infatti solo dopo la lunga procedura di acquisto dei biglietti si ottiene il prezzo finale reale e questo non risulta mai essere quello pubblicizzato inizialmente ma ovviamente maggiorato da ‘quote di gestione’ , altri sovrapprezzi che compaiono improvvisamente durante la transazione e ‘assicurazioni’ quest’ultime non obbligatorie ma  presentate come tali.”

Assoutenti ha ritenuto quindi denunciare all’Antitrust le pratiche messe in atto dai siti www.edreams.it e www.volaregratis.it in quanto reputa siano scorrette, perché volte a rendere molto difficile una scelta consapevole da parte del consumatore in ordine sia al prezzo reale del biglietto aereo sia ai servizi aggiuntivi che hanno solo natura facoltativa, ostacolando così il confronto con le offerte degli altri operatori e falsandone il comportamento commerciale.

Ulteriori informazioni e dettagli sulla denuncia fatta sono disponibili nella sezione ‘pubblicità ingannevole’ del sito www.assoutenti.it.
          
L’Assoutenti è un’associazione di utenti e consumatori fondata nel 1982, membro del Consiglio Nazionale dei Consumatori e Utenti, ed è riconosciuta rappresentativa a livello nazionale ai sensi del Codice del Consumo. Scopo dell’Associazione è il riconoscimento dei diritti fondamentali dei consumatori e, in particolare, la tutela degli utenti dei servizi pubblici.


IL NUOVO GIOIELLO CHINA AIRLINES PER VOLARE A DELHI È UN AIRBUS A330

Inaugurato il 1 Dicembre scorso, il volo diretto non-stop Roma-Delhi di China Airlines è operato con un nuovo Airbus A330-300, di modernissima generazione, appositamente riconfigurato per essere utilizzato su questa nuova rotta.
“L’aeromobile è stato studiato per offrire il massimo del lusso e del comfort e la Dynasty Supreme Class del nuovo Airbus A330 risulta essere la nostra scelta vincente.” afferma Roberta Graziani, Responsabile Marketing Italia “Elegante e raffinata, è una sorta di via di mezzo,‘una Classe Business di Prima Classe’ la definirei, in grado di assicurare un’eccellente alternativa alla tradizionale e ormai poco richiesta First Class”.

Con due classi di servizio, l’aeromobile vanta un’ampia cabina di Business Class con solo 30 poltrone (cm. 152 di spazio tra una fila e l’altra), oltre a 277 poltrone in classe economica (configurazione 2-4-2).

La classe Economy ha poltrone reclinabili in profondità dotate del primo sistema al mondo per il supporto lombare, regolabile automaticamente. Ogni poltrona ha schermo personale TV LCD interattivo da 6.5 pollici, con funzione AVOD (Audio Video on Demand) che consente di iniziare, interrompere e ripristinare la programmazione a piacimento e sistema di controllo "touch-screen". In economy, la stessa ricca varietà di programmi di intrattenimento personalizzati della Classe Business, con prese di corrente per computer portatili in aree dedicate della cabina.

La business, con illuminazione radiante multifocale, ha poltrone regolabili elettronicamente e schienale reclinabile fino a 166°, lampada da lettura individuale ad orientamento regolabile, schermo TV personale interattivo VGA 10.4 pollici con sistema "touch-screen" e AVOD. Offre funzioni audio e video con un'ampia scelta di film (almeno due in lingua italiana), brevi programmi, canali musicali, CD e videogames, oltre a telefono satellitare e presa di corrente ad ogni poltrona.


TURKISH AIRLINES E SPANAIR SIGLANO UN ACCORDO DI CODE SHARING
 
Roma, 4 febbraio 2010 – Turkish Airlines, vettore membro di Star Alliance e quarto vettore europeo per numero di passeggeri trasportati, ha siglato un accordo di code sharing con Spanair. L’accordo, operativo a partire dal 1° febbraio 2010, consente a Turkish Airlines di utilizzare il proprio codice “TK” sui voli domestici operati da Spanair e, reciprocamente, consente a Spanair di utilizzare il proprio codice “JK” sui voli operati da Turkish Airlines per Barcellona, Madrid e Ankara.
“Siamo estremamente lieti di aver finalizzato questo accordo di code sharing con Spanair” ha dichiarato Temel Kotil, CEO di Turkish Airlines. “Le sinergie derivanti dall’appartenenza a Star Alliance hanno consentito a Turkish Airlines e Spanair di adottare un modello di business integrato ancora più efficiente”. L’accordo dimostra l’impegno di Turkish Airlines volto ad ampliare per i propri passeggeri le opportunità di viaggio, consentendo loro di usufruire delle ampie reti di collegamenti di entrambi i vettori”.
In Spagna i passeggeri dei voli nazionali possono così accedere al network di Turkish Airlines, che con le sue 196 destinazioni internazionali e 37 domestiche consente, oltre alla Turchia, di raggiungere agevolmente l’Europa, il Nord America, il Sud America, la Russia, l’Asia Centrale e il Medio Oriente. 
“L’avvio della nostra cooperazione strategica con Turkish Airlines fa seguito all’impegno che abbiamo nei confronti dei nostri clienti di offrire sempre più collegamenti fra la Spagna e il resto del mondo, garantendo un’elevata qualità di servizio” ha dichiarato Michael Balint Szücs, CEO di Spanair.
Turkish Airlines conta attualmente 22 accordi di code sharing con i seguenti vettori: Air China, Air India, Croatia Airlines, Egypt Air, LOT Polish, Lufthansa, Pakistan Int’l Airlines, Royal Air Maroc, Sun Express, TAP Portugal, Austrian Airlines, United Airlines, Asiana Airlines, Syrian Arab Airlines, ANA All Nippon, Air Malta, Singapore Airlines, Malaysia Airlines, B&H Airlines, Etihad Airlines, Ethiopian Airlines e Spanair.
Spanair ha al suo attivo 15 accordi di code sharing con Air Canada, AirBaltic, Air Europa, Austrian Airlines, Brussels Airlines, EgyptAir, EstonianAir, LOT Polish Airlines, Lufthansa, SAS, SWISS, TAP Portugal, THAI, Turkish Airlines e con US Airways.


A400M: INIZIATO L’ASSEMBLAGGIO DEL 4° VELIVOLO

E’ iniziato presso lo stabilimento di Siviglia in Spagna l’assemblaggio del quarto aeromobile Airbus Military A400M. Le ali dell’aereo denominato MSN4 sono giunte alla linea di assemblaggio finale lo scorso 21 gennaio a bordo di un Airbus Beluga. Lo stabilizzatore verticale, prodotto nello stabilimento di Stade in Germania, giungerà a Siviglia a metà febbraio e sarà seguito un mese più tardi dalla fusoliera e dal muso dell’aereo. L’MSN4 volerà per la prima volta entro la fine del 2010.

L’A400M è un nuovo aeromobile da trasporto sviluppato per rispondere alle esigenze delle forze armate del 21° secolo. Grazie all’impiego di tecnologie avanzate è in grado di volare più in alto, più velocemente e più a lungo pur mantenendo un elevato grado di manovrabilità con atterraggi a bassa velocità su piste corte, dure e morbide. Con uno spazio cargo progettato per trasportare i grandi carichi che caratterizzano le missioni militari e umanitarie dei nostri tempi, è in grado di trasportare i materiali velocemente e direttamente a destinazione. Sviluppato per essere estremamente affidabile e resistente, l’A400M è un aeromobile polivalente che permette agli operatori di ridurre la dimensione della propria flotta con minori investimenti. L’A400M è l’aeromobile da trasporto più efficiente e versatile mai progettato e le sue caratteristiche operative lo rendono unico.


NUOVO VOLO EASYJET DA FIUMICINO PER DUSSELDORF
 
Roma, 1 feb. - (Adnkronos) - E' operativa da oggi la nuova rotta di EasyJet che collegherà Dusseldorf, principale polo fieristico europeo, con Roma Fiumicino. “Questo ennesimo ampliamento della rete è uno step fondamentale per rafforzare la nostra presenza a Fiumicino, snodo cruciale di EasyJet per il Sud Europa, non solo dal punto di vista leisure ma anche, e soprattutto, business. Infatti, la nuova destinazione va ad affiancarsi a mete come Ginevra, Milano, Londra, Madrid o Basilea, fondamentali per i viaggi d'affari”, dichiara Thomas Meister, marketing manager Italia di EasyJet. 
“Il nuovo collegamento per Dusseldorf, sin dall'apertura delle vendite, ha registrato delle performance molto positive, con un load factor in linea con la media del network, che si attesta all'85%. Inoltre - aggiunge Meister - nei primi dodici mesi di attività, contiamo di trasportare più di 80.000 passeggeri”. (fonte Adnkronos)
 
di Riccardo Sardeni del 20/01/2010 ore 14:50:53, in Air News, linkato 741 volte
 

In questo numero:


INAUGURATO OGGI L’AEROPORTO DI DOMANI
ATITECH: MINISTERO DEI TRASPORTI, ENAC E GESAC FIRMANO PROTOCOLLO D’INTESA
RYANAIR ANNUNCIA LA CHIUSURA TEMPORANEA DELLE ROTTE DOMESTICHE DA 10 BASI ITALIANE
VIRGIN ATLANTIC CONFERMA ORDINE PER 10 AIRBUS A330

EMIRATES HA RICEVUTO AD AMBURGO IL 6.000° AEROMOBILE PRODOTTO DA AIRBUS
INAUGURATO IL NUOVO TERMINAL DELL'AEROPORTO DI ROMA URBE








INAUGURATO OGGI L’AEROPORTO DI DOMANI 
Il nuovo terminal dell’aeroporto di Napoli

Sabato 9 gennaio si è svolta la cerimonia di inaugurazione del nuovo terminal dell’aeroporto di Napoli. Nel corso della cerimonia inaugurale sono stati presentati da Mauro Pollio, Amministratore Delegato BAA Italia e dal Presidente ENAC Vito Riggio, tutti gli investimenti infrastrutturali* realizzati dal 1998 ad oggi dalla società di gestione dell’aeroporto di Napoli, che hanno completamente riconfigurato l’intero scalo passeggeri.

Erano presenti all’evento il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli, il Sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino, il Presidente della Provincia Luigi Cesaro, il Presidente della Regione Campania Antonio Bassolino, l’Assessore Regionale ai Trasporti Ennio Cascetta, il Presidente dell’ENAC Vito Riggio, il Direttore Generale Alessio Quaranta e l’Amministratore Delegato BAA Italia Mauro Pollio.

Gesac - società di gestione dell’Aeroporto Internazionale di Napoli - ha già investito, ad oggi, circa 209 milioni di euro, di cui 118 auto finanziati e 91 finanziati con fondi pubblici (In particolare, degli  investimenti finanziati con fondi pubblici circa 66 milioni di euro sono stati  investimenti realizzati con i Fondi PON 2006/2013) per lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi e continuerà a realizzare una serie di lavori di ampliamento e di ottimizzazione che riguarderanno tutte le aree aeroportuali, per uno scalo al servizio del passeggero ancor più funzionale, sicuro e confortevole.

“Il terminal inaugurato oggi - ha dichiarato il Presidente dell’ENAC, Vito Riggio - è una fondamentale infrastruttura aeroportuale del Mezzogiorno realizzata con i fondi strutturali, affidati dal Ministero dei Trasporti all’ENAC e da questi, grazie ad accordi con le Regioni, ad imprese private, a cominciare dalle società di gestione degli aeroporti come Gesac.
Il risultato dell’azione dell’ENAC, pur a fronte di risorse contenute - ha proseguito Riggio – è stato eccellente, come hanno riconosciuto sia l’Unione Europea, sia gli organi di controllo come la Corte dei Conti. Sicurezza, operatività, ambiente e qualità del servizio sono stati i parametri su cui si è voluto far evolvere l’offerta aeroportuale di Napoli e del Sud, indirizzandola verso un assetto integrato, in grado di assicurare un livello di mobilità in linea con le attese dei cittadini e delle imprese, con tempi e costi competitivi, con una dotazione di servizi utili a favorire il migliore equilibrio tra domanda e offerta, rispondendo a standard ambientali e di sicurezza di livello europeo.
Il Terminal Passeggeri di Napoli Capodichino - ha concluso il Presidente dell’ENAC – conferma concretamente l’obiettivo di fare delle nuove infrastrutture il volano del prossimo sviluppo economico, tale da rendere il Mezzogiorno ‘appetibile’ ed accogliente per investimenti esterni all’area”.


“Lo scalo di Napoli ha subito in questi anni un’importante trasformazione – ha dichiarato Mauro Pollio – Amministratore Delegato BAA Italia - Basti solo ricordare che cos’era questo aeroporto agli inizi degli anni ’90. Con la privatizzazione ed il subentro di BAA, società inglese leader nel mondo nella gestione aeroportuale, che ha preso un chiaro impegno all’atto della privatizzazione, oggi il territorio può godere di un’infrastruttura di tutto rispetto soprattutto in termini di sicurezza e qualità del servizio offerto al passeggero, grazie soprattutto agli ingenti investimenti realizzati in questi anni.

La nuova facciata esterna dell’aerostazione rappresenta dunque -  ha sottolineato Pollio -  l’esempio più evidente di tale processo di ottimizzazione delle infrastrutture dello scalo. La privatizzazione dell’aeroporto di Napoli, primo aeroporto italiano ad essere privatizzato, ha rappresentato dunque un’operazione di successo, una sfida che gli enti locali e la BAA, hanno superato e vinto. Oggi, possiamo affermare di aver completamente adempiuto agli impegni assunti con il territorio, dotando la città e la nostra regione di un aeroporto europeo conforme ai più elevati standard internazionali”.   

*Sintesi Principali investimenti realizzati ad oggi (dal 1998 al 2009):


   
Terminal 2 (terminal dedicato ai voli charter);
    7 Nuove piazzole di sosta aeromobili;
    2550 posti auto e nuova strada di accesso;
    Terminal Merci;
   Nuovo centro commerciale e  realizzazione aree ristoro;
    Ampliamento area arrivi (5 nuovi nastri bagagli, nuovo lost & found e presidio sanitario);
    Nuovi banchi check-in (14 check-in a cui si sono aggiunti 28 nuovi banchi check-in) per un totale attuale di 56 banchi check-in   complessivi;
    Ampliamento atrio partenze: nuovi collegamenti verticali funzionali e moderni;
    Ampliamento della sala imbarchi e realizzazione di 3 nuovi gates extra Shengen;
    Nuovi nastri bagagli in partenza;
    12 nuove linee per i controlli di sicurezza passeggeri;
    rifacimento della pista di volo (realizzata in tempi record: soli 3 giorni);
    Adeguamento dell’Airfield alla normativa ICAO;
    Sistema HBS e  nuovi sistemi informativi;
    Sistema di Controllo del sedime e degli accessi;
    Nuovo deposito impianto carburanti per aeromobili;
    Impianto fognario pista e piazzole;
    nuovo parcheggio bus turistici;
    nuovo layout esterno dell’aerostazione (2009)*

Ulteriori Investimenti in programma al 2012:

    Riconfigurazione complessiva aree commerciali (landisde);
    Ulteriore ampliamento  area arrivi;
    Estensione area partenze (con realizzazione di 2 bridges);
    Sistema Guida accesso negli stando (piazzole di sosta aeromobili);
    Ulteriori ottimizzazioni del terminal;
    Parcheggio multipiano;
    Ottimizzazione viabilità esterna di accesso;
    Ristrutturazione Piazzale Aeromobili;



ATITECH: MINISTERO DEI TRASPORTI, ENAC E GESAC FIRMANO PROTOCOLLO D’INTESA

A margine della cerimonia di inaugurazione del nuovo terminal dell'Aeroporto di Napoli Capodichino, il Presidente dell'ENAC Vito Riggio, il Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Altero Matteoli e l’Amministratore Delegato della Gesac S.p.A. Mauro Pollio hanno sottoscritto un Protocollo d'intesa per il finanziamento di 3 milioni e mezzo per la ristrutturazione del complesso Atitech all'interno dello scalo.

L’accordo prevede interventi di ristrutturazione, riqualificazione ed adeguamento alle prescrizioni normative vigenti delle strutture Atitech all’interno dell’Aeroporto di Capodichino per un costo stimato pari € 3.000.000,00.

Di tale somma, € 1.500.000,00 verrà reperito da finanziamenti ENAC. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dal canto suo si impegna a verificare la possibilità per l’ottenimento di ulteriori finanziamenti per la realizzazione dell’intervento oggetto dell’accordo per un importo non inferiore a € 1.500.000,00. Gesac, invece, si impegna ad avviare e portare avanti tutte le fasi di progettazione dell’intervento prescritte dalla legge e ad eseguire i lavori nei tempi previsti dalla regolamentazione di riferimento garantendo la disponibilità di una propria quota di finanziamento, qualora necessario a completamento del costo dell’opera.

Una volta approvata la progettazione esecutiva dell’intervento, l’ENAC e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ognuno per la propria competenza, definiranno e sottoscriveranno con la Gesac le convenzioni di finanziamento necessarie per avviare la realizzazione delle opere finanziate.

Il Presidente Vito Riggio ed il Direttore Generale dell’ENAC Alessio Quaranta hanno evidenziato come il Protocollo sottoscritto a favore di Atitech rappresenti un ulteriore importante tassello per completare l’ammodernamento dell’aeroporto di Napoli Capodichino in modo da permettere un migliore coordinamento tra le varie componenti del settore presenti sullo scalo e delle relative elevate risorse professionali.



RYANAIR ANNUNCIA LA CHIUSURA TEMPORANEA DELLE ROTTE DOMESTICHE DA 10 BASI ITALIANE
L’Enac mina illegalmente le procedure di sicurezza
 
Ryanair, il 23dicembre ha annunciato che cesserà di operare temporaneamente le rotte domestiche da /per le 10 basi italiane, Alghero, Bari, Bologna, Brindisi, Cagliari, Milano (Bergamo), Pescara, Pisa, Roma (Ciampino) e Trapani, a partire da sabato 23 gennaio 2010, in seguito all’ingiunzione sollevata da Ryanair contro le ordinanze dell’ENAC (Ref No. 26/2009 e 79320/DIRGEN/DG), che obbligano Ryanair ad accettare svariate e non sicure forme di identificazione per i passeggeri che viaggiano sulle rotte domestiche di Ryanair, anche se questi documenti di identità sono costituiti da niente più che licenze di pesca.
 
Da quando Ryanair opera con il check-in online al 100%, è obbligatorio per la sicurezza di tutti i voli Ryanair, che tutti i passeggeri di Ryanair acconsentano al momento della prenotazione, di presentare o il passaporto o la carta di identità al gate d’imbarco prima di salire a bordo del proprio volo. Queste procedure di sicurezza sono sempre andate avanti in modo soddisfacente per molti anni su tutte le 1.000 rotte di Ryanair sia per i voli domestici che per quelli internazionali in tutta l’Unione Europea.
 
Ryanair è rimasta perciò sorpresa e delusa dal fatto che l’ENAC, l’autorità dell’aviazione italiana, senza consultare o discuterne con Ryanair, ha introdotto unilateralmente le ordinanze di cui sopra l’11 e il 12 novembre 2009, che hanno interferito con e minato le procedure stabilite. L’ordinanza dell’ENAC minaccia di arrestare il personale dell’handling, se si rifiuta di far viaggiare i passeggeri con forme di identificazione non consentite comprese patenti di guida, badge lavorativi o licenze di pesca italiane. Dal momento che queste altre forme di identificazione non hanno soddisfatto gli standard internazionali di sicurezza, il solo risultato delle ordinanze dell’ENAC sarà quello di ridurre la sicurezza dei passeggeri di Ryanair e dei voli sulle rotte domestiche italiane.
 
Ryanair non può permettere che le sue procedure di sicurezza – che sono approvate da tutti i passeggeri al momento della prenotazione con Ryanair – subiscano interferenze e vengano minate dalle ordinanze illegali e inappropriate dell’ ENAC che così facendo riduce la sicurezza dei passeggeri e dei voli. Ryanair cesserà di operare i voli domestici dagli aeroporti italiani di cui sopra a partire da sabato 23 gennaio (cioè con un mese di preavviso) e questi voli saranno ripristinati solo se Ryanair sarà certa che la sicurezza delle sue operazioni non sarà minacciata dall’interferenza illegale dell’ENAC.
 
Ryanair invita tutti i passeggeri a protestare sull’interferenza illegale dell’ENAC circa la sicurezza delle operazioni di Ryanair con il Direttore Generale dell’ ENAC, Alessio Quaranta.

 
Michael O’Leary di Ryanair ha detto: “Siamo davvero rammaricati degli inconvenienti che questo provvedimento causerà ai passeggeri italiani che viaggiano sulle rotte domestiche. Tuttavia è del tutto scorretto da parte dell’ ENAC introdurre misure che riducono la sicurezza sui voli domestici italiani rispetto alle misure di sicurezza che già utilizzate con successo su tutti i voli di Ryanair nell’Unione Europea e sui voli domestici di Ryanair in ogni altro paese dell’Unione Europea. Dal momento che questi requisiti di identificazione sono approvati da tutti i passeggeri, non c’è giustificazione per l’ENAC ad interferire nelle procedure di sicurezza di Ryanair.
 
“La policy di Ryanair sui documenti di identità/passaporto è stata approvata da tutti gli altri paesi dell’Unione Europea, incluso l’ENAC, 4 anni fa. L’insistenza illegale dell’ENAC sul fatto che Ryanair dovrebbe accettare altre (e meno sicure) forme di identificazione sui voli domestici italiani, che potrebbero risultare sconosciute al nostro personale di volo e al nostro personale di handling, riduce la sicurezza in un modo che è inaccettabile per Ryanair, per il suo personale di volo e per i passeggeri.
 
“Ryanair è rammaricata da quest’ultimo tentativo dell’ENAC di interferire illegalmente nel modo in cui Ryanair opera sui suoi voli, o di cambiare gli accordi che intercorrono liberamente tra i passeggeri e Ryanair al momento della prenotazione. Ci appelleremo al Consiglio di Stato per queste ordinanze dell’ENAC e ci auguriamo che il Consiglio di Stato respinga questo tentativo illegale dell’ENAC di interferire nelle operazioni di Ryanair e di ridurre il livello di sicurezza di cui fruiscono tutti i passeggeri e i voli di Ryanair in Italia.”
 
L’Enac da parte sua ha riposto con diversi comunicati stampa alla compagnia low cost irlandese, pertanto pubblichiamo l’ultimo uscito, il 30 dicembre, invitando chi lo desidera a leggere gli altri sul sito dell’Enac.

ENAC: Informativa per i Passeggeri Ryanair

L'Enac informa che le proprie disposizioni che ribadiscono l'equipollenza dei documenti di riconoscimento diversi da passaporto e carta di identità per i voli domestici (art. 35 DPR 28 dicembre 2000 n. 445), confermate dall'ordinanza del TAR Lazio sez. 3T del 17 dicembre 2009, sono state emanate secondo inderogabili norme di diritto pubblico ad esclusiva tutela dell'utenza, a seguito delle numerose segnalazioni ricevute da passeggeri Ryanair, ai quali la compagnia irlandese rifiutava il riconoscimento di tale equipollenza dei documenti di identità.

In proposito appaiono del tutto pretestuosi ed infondati i riferimenti ad aspetti relativi alla sicurezza, tenuto conto che in molti casi quelle stesse segnalazioni all'Enac riferivano che la compagnia Ryanair superava tali presunti "problemi di sicurezza" dietro pagamento di una penale a carico dei passeggeri in possesso di altri documenti di riconoscimento, lasciandoli in caso contrario a terra.

In merito alla decisione di Ryanair di cancellare propri voli da scali italiani a partire dal 23 gennaio prossimo, l'Enac sottolinea che tale scelta attiene esclusivamente alla politica commerciale del vettore, secondo le regole del libero mercato.

L'Enac ribadisce che comunque Ryanair è tenuta a rispettare le norme comunitarie previste dal Regolamento (CE) n. 261/2004 in tema di tutele dei diritti dei passeggeri.

La risposta dell’ENAC ha trovato un sostegno da parte dell’Assaereo che sempre il 30 dicembre ha rilasciato una dichiarazione in merito.

SOSTEGNO ALL’ENAC SUL CASO RYANAIR

Assaereo, l’Associazione Nazionale Vettori e Operatori del Trasporto Aereo aderente a Confindustria, esprime apprezzamento e piena condivisione della posizione assunta dall’ENAC e tesa al rigoroso rispetto delle norme nazionali vigenti da parte di tutti gli operatori del trasporto aereo.

E’ sorprendente constatare come vettori di altri Paesi comunitari possano ritenere di poter disattendere le norme nazionali e le misure previste dalle Autorità competenti in ragione di differenti regole vigenti altrove.

Tale atteggiamento non è consentito in alcuno Stato in cui operano i vettori italiani.

Ryanair, in particolare, che in Italia più che altrove ha trovato le condizioni per attingere a consistenti contributi dagli aeroporti, non può ritenersi al di sopra della legislazione nazionale vigente operando, peraltro, stabilmente nel nostro Paese dove ha insediato proprie basi ed attivato collegamenti domestici.

La disputa sui documenti accettabili per l’imbarco dei passeggeri, balzato agli onori della cronaca negli ultimi giorni ma che ha avuto origine l’estate scorsa, dà la misura del grado di considerazione riposta da Ryanair nelle regole, nell’Autorità nazionale, nel Ministero dell’Interno e nella capacità del Paese di preservare la sicurezza nazionale.

Nessun vettore nazionale o internazionale ha mai sollevato obiezioni sul punto o giunto a conclusioni così gravi.

Assaereo, evidenziando che il tema dei documenti accettabili per l’imbarco è solo un’ulteriore conferma dell’atteggiamento assunto su più argomenti, sottolinea che per poter porre le basi per il rilancio del trasporto aereo nazionale è condizione necessaria l’eliminazione di ogni forma di asimmetria competitiva.

Un mercato sano può crescere e svilupparsi solo garantendo agli operatori parità di condizioni di accesso ai fattori produttivi, in termini di rapporti con gli aeroporti, rispetto delle norme operative, dei diritti dei passeggeri, dei lavoratori e del sistema previdenziale nazionale vigente.



VIRGIN ATLANTIC CONFERMA ORDINE PER 10 AIRBUS A330
Un importante investimento nell’aeromobile più eco-efficiente

Il vettore inglese ha acquistato sei Airbus A330-300 a lungo raggio e ulteriori quattro aeromobili in leasing da AerCap. Il contratto è stato formalizzato lo scorso 30 dicembre 2009 e segue l’annuncio fatto in giugno.

La scelta di questi apparecchi, i primi A330 ordinati da Virgin Atlantic, sottolinea l’impegno da parte della compagnia ad investire negli aeromobili più eco-efficienti ad oggi disponibili. Verranno utilizzati per rafforzare i collegamenti tra il Regno Unito, il Nord America, i Caraibi, l’Africa e l’Asia, sia per i mercati business che leisure.


Gli aeromobili A330 di Virgin Atlantic Airways, da 270 passeggeri, avranno una configurazione a tre classi, Upper, Premium Economy ed Economy Class, saranno caratterizzati da una cabina ricca di innovazioni e prodotti di bordo rivoluzionari destinati a ogni passeggero.

“Gli A330 daranno una maggiore flessibilità operativa alla moderna flotta Virgin e allo stesso tempo sono un chiaro segnale del nostro impegno ad investire in aeromobili più rispettosi dell’ambiente - ha dichiarato Steve Ridgway, CEO di Virgin Atlantic Airways.

“Questo ordine, da parte di uno dei più importanti clienti Airbus, è un forte segnale di fiducia nei confronti del nostro A330 - ha dichiarato John Leahy, COO Clienti di Airbus. “Grazie alla comprovata affidabilità, il comfort e i bassi consumi, l’A330 è uno degli aeromobili più eco-efficienti della propria categoria”, ha concluso Leahy.

Virgin Atlantic Airways è operatore Airbus dal novembre 1993. Ad oggi la compagnia opera una flotta di sei A340-300 e 19 aeromobili A340-600, oltre ad essere cliente Airbus con un ordine di sei Airbus A380.



EMIRATES HA RICEVUTO AD AMBURGO IL 6.000° AEROMOBILE PRODOTTO DA AIRBUS
 
Amburgo, 18 gennaio - Emirates ha ricevuto nella città tedesca il 6.000° aeromobile prodotto da Airbus nei suoi 40 anni di vita. Si tratta del 25° A380 prodotto dal costruttore europeo e l´ottavo consegnato al vettore mediorientale. Emirates è il più importante cliente dell´A380 con 58 aeromobili ordinati ed opera un flotta che comprende 55 aeromobili Airbus con ulteriori 121 per i quali sono stati siglati contratti di acquisto.










INAUGURATO IL NUOVO TERMINAL DELL'AEROPORTO DI ROMA URBE
Scalo al servizio della città e della regione per attività istituzionali e di business aviation


Con l’inaugurazione avvenuta martedì 19 gennaio del Nuovo Terminal per l’Aviazione Generale dell’Aeroporto di Roma Urbe continua a delinearsi il futuro di uno scalo moderno e funzionale al servizio della città di Roma e della Regione intera. L’ammodernamento ed il potenziamento di questo scalo - che è complementare agli altri due aeroporti principali del territorio - oltre a consolidare le attività attuali, tra cui le scuole di volo, trasformano ancora di più questo infrastruttura in un punto di riferimento sia per il traffico di aviazione generale, sia come eliporto, in particolare per fini istituzionali e di business aviation.

Il Nuovo Terminal è stato inaugurato questa mattina alla presenza del Presidente dell’ENAC Vito Riggio, del Direttore Generale ENAC Alessio Quaranta, del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli, del Sindaco di Roma Gianni Alemanno, dell’Amministratore Delegato di AgustaWestland Giuseppe Orsi, dell’Amministratore Delegato dell’Enav Guido Pugliesi, del Presidente Associazione Costruttori Edili di Roma Eugenio Batelli, del Presidente della Società Acqua Pia Antica Marcia Francesco B. Caltagirone.

“L’Aeroporto di Roma Urbe – ha dichiarato il Presidente Vito Riggio – va ad interessare una porzione di traffico aereo complementare a quello sviluppato sugli aeroporti di Fiumicino e di Ciampino. La nuova aerostazione e, più in generale, il potenziamento dello scalo dell’Urbe, rappresentano un ulteriore tassello, moderno e efficiente, che contribuirà allo sviluppo del sistema aeroportuale del Lazio”.

Nell’ambito dello sviluppo dello scalo romano, oggi è stata inaugurata la nuova aerostazione passeggeri, realizzata interamente con fondi ENAC con un intervento dal valore di circa 800.000,00 Euro. Il terminal ha la configurazione di una vera e propria aerostazione con una hall di accoglienza, percorsi funzionali per i passeggeri in partenza e arrivo, aree ristoro, spazi per gli uffici degli enti di stato e del controllo traffico aereo.

L'edificio mostra due fronti che riflettono da un lato l’area air side con ampia facciata di vetro orientata verso il verde dell’aeroporto e dall’altro l’area land side con una facciata opaca realizzata in tufo ocra, materiale tradizionale della zona.

Nel quadro degli interventi per l’Aeroporto di Roma Urbe, delineati nel Piano elaborato dall’Ente Nazionale Aviazione Civile, si inserisce anche la realizzazione del Nuovo Fabbricato Polifunzionale, in corso di costruzione, che consentirà di dotare l’aeroporto di maggiori spazi dedicati alla Direzione Aeroportuale ENAC e agli Enti di Stato, tra cui Vigili del Fuoco, Polizia, Guardia di Finanza.

I lavori sono in corso di realizzazione e dovrebbero essere ultimati entro la prossima estate. L’importo di queste opere a base d'asta ammonta a circa Euro 900.000,00. Le opere realizzate e quelle in corso di completamento rientrano nello studio ENAC di prefattibilità per il Piano di Sviluppo dell’Aeroporto dell’Urbe, che prevede tre passaggi di interventi, le cui prime due fasi, finanziate direttamente da ENAC, sono concluse:




FASE 1:
Riqualifica delle infrastrutture di volo esistenti e realizzazione di un eliporto aperto 24 ore su 24, tale da consentire attività istituzionali, di soccorso e di protezione civile. I lavori, terminati nel 2009 e secondo i tempi previsti, sono stati ampliati rispetto al progetto originario prevedendo nuovi piazzali di sosta e una nuova via di rullaggio, anche per le esigenze manifestatesi in occasione dell’evento del G8 del luglio 2009, durante il quale lo scalo ha costituito punto di riferimento per i mezzi della delegazione americana. L’importo dei lavori è stato di circa Euro 2.300.000,00.

FASE 2.
Realizzazione di nuova aerostazione attraverso la ristrutturazione di un edificio esistente, nonché realizzazione ex novo di un fabbricato polifunzionale da adibire sia ad uffici per gli enti aeroportuali, sia ad attività di Cerimoniale di Stato. Tutta la progettazione esecutiva è stata sottoposta, con esito positivo, alla Conferenza di Servizi per la compatibilità urbanistica. L’importo dei lavori è ammontato a circa Euro 1.800.000,00. Contestualmente sono stati attivati lavori di bonifica e risistemazione di alcuni fabbricati fatiscenti ed inutilizzati con l’individuazione di nuovi spazi per parcheggi auto.

FASE 3:
La terza fase, da realizzare, prevede la rotazione della pista di volo in modo tale da consentire di disporre di una nuova pista di metri 1.400 x 23 idonea per essere utilizzata da velivoli tipo Falcon 900, Falcon 2000 e similari, solitamente utilizzati per voli di Stato e con un raggio di azione che copre dal Nord Europa al Nord Africa. Per questo progetto sono state effettuate verifiche di prefattibilità che hanno fornito sostanzialmente esito positivo.

L’ENAC ha verificato la compatibilità ambientale per gli aspetti del rumore, attraverso uno studio condotto da una società specializzata, che ha confermato la fattibilità dell’intervento. Con la rotazione della pista si ricollocherebbe l’area terminale, verso nord, permettendo la realizzazione delle necessarie infrastrutture adeguate alla nuova dimensione della pista di volo, nonché la costruzione di strutture per attività collaterali di valenza socio-economica come, ad esempio, spazi espositivi per manifestazioni di promozione dell’attività aeronautica, museo storico dell’aviazione, centro congressi, area commerciale, attività alberghiera e di ristorazione. Di questa terza fase sono in avanzato stato di realizzazione i progetti che riguardano la realizzazione sul lato ovest del sedime aeroportuale del nuovo deposito carburanti, del piazzale sosta aeromobili, delle bretelle di collegamento alla pista, di una serie di hangar finanziati da privati destinati ad accogliere le attività già oggi presenti sul lato est, nonché della adeguata viabilità perimetrale per l’accesso all’area.

Tutto ciò risulta organico con quanto individuato in via generale e proposto dal Comune di Roma circa la possibilità di realizzare una nuova viabilità di accesso all’aeroporto mediante il raddoppio della Via Salaria, oltre all’eventuale previsione di un sovrappasso sul fiume Tevere che potrebbe permettere anche il collegamento diretto fra Via Flaminia e Via Salaria, velocizzando così la connessione con la parte nord della città.

In definitiva, il futuro assetto dell’aeroporto si verrebbe a delineare secondo tre zone principali:

- le strutture esistenti già riqualificate e razionalizzate per un utilizzo dedicato all’eliporto, alle scuole di volo e agli uffici per enti di Stato;
- un’area ad ovest della nuova pista di volo da riservare alle attività di manutenzione e rimessaggio negli hangar dell’aviazione generale;
- l’area terminal principale, posta a nord-est della nuova pista, con l’aerostazione e gli spazi dedicati ad attività connesse.

Sull’argomento si sono tenute a suo tempo riunioni tecniche presso il Ministero degli Esteri, interessato per le attività istituzionali, finalizzate a definire un accordo fra gli Enti.

Si evidenzia che si sono tenute varie sedute della pre-conferenza di servizi sulla questione in oggetto convocate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Dagli incontri è emerso che non sussistono opposizioni di principio da parte degli Enti coinvolti ed è stato stabilito di proseguire le attività di consultazione sul progetto con incontri bilaterali fra ENAC e ciascuna Amministrazione interessata, fino all’avvio ufficiale della conferenza di servizi.


 
di Riccardo Sardeni del 27/12/2009 ore 16:10:11, in Air News, linkato 840 volte
 
Cronaca semiseria di un viaggio da Roma a Milano e ritorno, avvenuto mercoledì 9 dicembre

23-12-2009 - Robert Louis Stevenson una volta scrisse che lui viaggiava per il piacere di viaggiare, un’affermazione che condivido. Chi ama viaggiare, spesso ama il viaggio prima ancora della meta. Il viaggio stesso, insomma, diventa una ragione di vita, un evento da raccontare e persino un semplice volo di andata e ritorno da Roma a Milano può contenere degli spunti interessanti su cui riflettere e allietarsi. La cosa importante è saperli cogliere e raccontare; da parte mia spero di esserci riuscito.
Buona lettura.





AZ 2018: Roma Fiumicino - Milano Linate (Partenza 07.30 - Arrivo 08.40)

H 06.15: La notte è gialla, no! Colorata
Il taxy è arrivato in anticipo di qualche minuto – meglio – ed ora siamo diretti in aeroporto. E’ buio pesto e dalla radio dell’autovettura arrivano le note della canzone di Bob Marley, “no woman, no cry”, arrangiata da un altro cantante. Se potessi scegliere preferirei ascoltare la versione originale, detesto i remake, non capisco perché un artista debba interpretare, male, le canzoni di un altro, piuttosto canti le sue, ma a quest’ora della notte bisogna accontentarsi. Sempre meglio di un silenzio carico di nulla.
Non c’è traffico, almeno a quest’ora, e percorriamo veloci Viale Marconi, via Ostiense e le scorciatoie che portano all’autostrada, strade solitamente congestionate, illuminate dalla luce gialla dei lampioni, un’ambientazione che fa tanto film noir, se non fosse per gli alberi di Natale, le decorazioni attaccate alle finestre, ai balconi - le feste incombono - e le verdognole ed algide luci al neon dei negozi di frutta e verdura che a quell’ora sono già al lavoro. E per fortuna che Roma sarebbe una città ministeriale…ma allora dove vanno tutte quelle automobili che percorrono l’autostrada, dirette a Fiumicino aeroporto? A lavorare! Chi vola per lavoro e chi per lavoro fa volare gli altri.

H 06.30: Profumo di aeroporto
Uno stuzzicante odore di cornetto appena sfornato mi accoglie non appena varco le porte scorrevoli del Terminal 1, partenze nazionali. Meglio così, di solito l’aeroporto ha un odore molto più caratteristico ma molto meno gradevole, quello del cherosene bruciato, quando poi la brezza non spira dalla discarica di Malagrotta, perché in quel caso le sensazioni sono molto più terrene.
La fila è formata da poche persone e l’addetta al check-in Alitalia, una ragazza con capelli castani fermati dietro la nuca e gli occhi marroni, è gentile ed efficiente. Coglie l’occasione per consigliarmi l’iscrizione al programma Mille Miglia (magari volassi così spesso), mi fa presente che pur essendo un volo aziendale posso anticipare il rientro e prepara un biglietto da consegnare al check-in di Linate, qualora mi decidessi in tal senso, e infine mi comunica che il mio posto è lato corridoio, ma dato che sarò solo potrò benissimo occuparne un altro, per esempio quello più vicino al finestrino. Grazie del consiglio lo farò di certo.

H 06.45: La fauna del Gate Area B5
Attraverso senza problemi i varchi, qualcuno si deve spogliare dei suoi orpelli, un agente delle forze dell’ordine addirittura pretende di passare con la pistola, lo invitano a…recarsi altrove, e poco dopo raggiungo la Gate Area B5. C’è tempo e ne approfitto per guardarmi attorno.
E’ ancora buio, nell’ambiente s’insinua tenue l’odore del cherosene, per fortuna siamo ad inizio giornata e sono pochi gli aeroplani che hanno preso il volo. I passeggeri sono per lo più uomini in giacca e cravatta, poche donne, qualcuno legge, altri lavorano al computer, qualcun altro si riposa. Gli schermi trasmettono le prime notizie della giornata, gente che va e che viene, edicole e bar in piena attività, negozi sfavillanti, ma se si abbassa lo sguardo ci si accorge che la moquette del B5 è piena di incrostazioni e le poltrone non sono nuovissime. La struttura è senza dubbio molto utilizzata, i passeggeri poco attenti, ma l’effetto complessivo è di scarsa manutenzione…Per fortuna che si sta facendo giorno ed un’aurora meravigliosa dai colori intensi, solari, sta illuminando le piste, gli aerei, l’aerostazione tutta.

H 07.05: Imbarco!
L’orario d’imbarco è rispettato in pieno. Attraverso il finger, una soluzione comoda ma un po’ spersonalizzante, non ti rendi conto di salire su un aeromobile, potresti imbarcarti su un qualsiasi mezzo, Space shuttle compreso (ma in questo caso servirebbe una tuta spaziale che non è prevista nel costo del biglietto, quindi se ve ne danno una…è palese che non vi state imbarcando per Milano), raggiungo il mio velivolo: un Airbus A320 Enhanced dell’Alitalia.
Nel corridoio incontro un assistente di volo con capelli ricci e pizzetto che mi ricorda il mago Forest. Questi mi saluta, scrutandomi con l’aria di chi la sa lunga ed è in grado di vagliare chi ha di fronte. Bene Mr. Forest a noi due, vediamo che la sa più lunga in fatto di personaggi. Tu sei un assistente di volo con due linee sul distintivo che hai sul petto (assistente di volo confermato) ma tu sei proprio convinto di sapere chi sono io e perché sono a bordo? Probabilmente la mia seconda natura la scoprirai tra un po’ di tempo leggendola su un sito dedicato all’aviazione.
L’airbus è nuovo ed in buone condizioni, insomma pulito. La retina che ho di fronte è rifornita di tutto punto: sacchetto di carta (per il vomito), scheda dell’aeroplano, catalogo per acquistare i prodotti della compagnia (un po’ sgualcito) e la rivista di bordo, recente ed in buone condizioni (ne prendo una, la leggerò con calma a casa).

H 07.29: “Assistenti di volo armare gli scivoli”
Puntuali iniziano le procedure per il decollo, sei minuti dopo lasciamo il finger per fermarci sul piazzale davanti all’aerostazione. E’ mattina ed il personale dell’aeroporto è al lavoro; aeroplani dell’Alitalia, Air One, CSA (linee Aeree Cecoslovacche) stanno caricando o scaricando i passeggeri e dietro l’aerostazione fa capolinea un Boeing 737 della Easy Jet che a 45 gradi si innalza nel cielo. A bordo c’è silenzio, chi dorme, chi sfoglia il giornale e nessuno sembra troppo interessato a quello che gli accade attorno o alle informazioni che gli assistenti di volo stanno fornendo ai passeggeri. I motori dell’A320 aumentano di giri e poco dopo ci rimettiamo in marcia diretti verso la testata pista.

H 07.43: Si decolla
La pista utilizzata per spiccare il volo è quella che finisce contro il mare e l’aeroplano acquista velocità già nel momento in cui sta entrando nella pista, iniziando così subito la procedura per il decollo. Un attimo dopo stiamo già volando sul mare.

H. 07.55: Customer satisfaction
Un assistente di volo con gli occhiali, capelli brizzolati e un viso simpatico cammina lungo il corridoio centrale, tenendo in mano alcune buste ed, un po’ esitante, propone ai passeggeri di compilare un questionario sulla customer satisfaction. Lui ce la mette tutta per invogliarli, da parte mia capisco benissimo che invitare i passeggeri a riempire un simile questionario non sia un’impresa facile, probabilmente si sente un po’ come Daniele nella fossa dei leoni, un gesto sbagliato e finisce divorato, ma io sono ben felice di dargli una mano e per sua fortuna non sarò l’unico. Le domande sono 43, tutte articolate con vari livelli di gradimento dal più basso al più alto, ed il sottoscritto risponde a tutte tranne quella riguardante i viveri perché non è ancora arrivato il carrello con le vettovaglie.

H 08.07: La legge di Murphy
Arriva il carrello e il Mago Forest mi passa il caffè lungo (caldo) ed il “cornetto di Sergio” (freddo). Inevitabilmente incappiamo in una leggera turbolenza. E’ la variante aerea della legge di Murphy: se devi incappare in una turbolenza questa avverrà quando sta bevendo qualcosa. Nel mio caso quando l’assistente di volo ti sta passando il caffè e tu indossi il vestito buono perché sei in missione.

Per quanto riguarda la colazione sul caffè niente da ridire, mi piace il caffè lungo ed amaro, mi ricorda quando viaggiavo da ragazzo (altri tempi, c’era la Pan Am e la TWA), ma il “cornetto di Sergio” è così affusolato, compatto e grasso che ne consiglierei l’impiego come proiettile per una fionda. Stenderebbe un rinoceronte. Sei romani lo avessero utilizzato a Canne contro gli elefanti di Annibale, la battaglia sarebbe finita in un altro modo.

H 08.15: Terra ferma
Dopo aver volato sul mare (almeno questo è quanto riesco a vedere dal mio finestrino) ora c’inoltriamo sulla terra ferma. Lontano intravedo delle montagne innevate e sotto i miei piedi il terreno è collinare, disseminato da tanti piccoli paesi, mucchietti di case che ricordano un presepe. Chiedo ad un assistente di volo, che mi sta ritirando il bicchiere del caffè, dove ci troviamo, lui getta un’occhiata fuori e riconosce in lontananza le cinque terre. Aguzzo lo sguardo e riconosco in lontananza la penisola ed il golfo de La Spezia. Nel frattempo gli altri passeggeri leggono, dormono o usano il computer.

H 08.20: Questionario, please!
Mr. Forest ritira il mio questionario debitamente compilato e sigillato. Si balla un po’, stiamo passando sull’Appennino, le montagne sono spoglie, gli alberi privi di vegetazione e qua e là si vede della neve. A bordo gli altri passeggeri dormono, usano il computer o leggono.

H 08.21: Virata panoramica
L’aeroplano effettua una virata ed in lontananza scorgo le Alpi innevate che luccicano sotto il sole del mattino. Il comandante annuncia che c’è un po’ di turbolenza ed aggiunge altre informazioni utili. Intanto gli altri passeggeri usano il computer, leggono o dormono. Non ci sono dubbi: è proprio un volo di businessman diretto a Milano!

H 08.30: Ecco il fiume Po
Il panorama è decisamente cambiato: la campagna è pianeggiante, intensamente coltivata e ha un aspetto meno selvaggio e più ordinato. Siamo al nord e che vi piaccia o no questa è la famosa Padania.


H 08.33: “Assistenti di volo prepararsi all’atterraggio”
Milano è all’orizzonte. Le strade che portano nel capoluogo meneghino sono intensamente trafficate anche l’aspetto del terreno cambia di nuovo aspetto.Tra gli orti coltivati, si inframmezzano le prime abitazioni, case basse, isolate o a schiera, palazzoni, capannoni industriali, mentre ci avviciniamo al suolo e si possono cogliere maggiori dettagli del paesaggio.

H 08.37: Linate
Ora il panorama sembra scorrere più veloce, è solo un effetto ottico dovuto al fatto che siamo più vicini al terreno. All’improvviso in mezzo alle case si apre una vasta area verde recintata, è l’aeroporto, e un attimo dopo il grigio della pista, che tocchiamo alle 08.37.

H 08.42: Arrivederci!
Come ero entrato nel velivolo così esco passando per il finger. Fuori mi attende la Milano che lavora ed una lunga fila di passeggeri in attesa per il taxy, che a Milano non si prenota o chiama con il telefono, si attende ordinatamente uno dietro l’altro, una fila che per fortuna scorre.




AZ 2099: Milano Linate – Roma Fiumicino (Partenza 18.15 Arrivo 19.25)

H 17.43 Milan è gran Milan
Il traffico nel capoluogo meneghino è intenso ma il tassista ce la mette tutta ed arriviamo per tempo in aeroporto. E’ l’ora di punta, il mio è uno dei voli utilizzati per rientrare nella capitale e non vorrei proprio rimanere a terra, ma mi sono dimenticato che Milan è Gran Milan e quindi tutto funziona: la fila al check-in scorre (viene aperto un nuovo desk per accelerare le procedure) e l’imbarco avviene con due minuti di anticipo alle 17.43.
Ma non è questa l’unica novità del viaggio: l’aeroplano, un Airbus A320 ben tenuto, e l’equipaggio appartengono all’Air One. E molte altre piccole differenze accompagneranno il resto del viaggio a cominciare dalla composizione dei passeggeri.
Se all’andata avevo volato in compagnia dei pocp loquaci manager, il viaggio di ritorno lo effettuo invece con un campionario della società italiana (giovani, anziani, uomini e donne), tutti in vena di parlare. Anzi sarà un vociare continuo per tutta la durata del tragitto. Come andare in metropolitana.

H 17.58: Presto che è tardi!
Il clima efficientista del capoluogo lombardo contagia gli assistenti di volo che veloci chiudono le cappelliere, eppure ci sarebbe ancora un po’ di tempo, ed uno di loro con i capelli bianchi, che ricorda un poco George Clooney aiuta una signora a mettere il suo cappotto a posto. Che fretta ragazzi!

18.03: Milano 2019
Una voce bassa, pastosa, quella del comandante, ci dà il benvenuto a bordo avvertendoci che di lì a breve partiremo alla volta di Roma. Bene non vedo l’ora, sono un po’ stanco. Terminato l’intervento, la musica di sottofondo torna a farla da padrona e riconosco un brano della colonna sonora del film di fantascienza “Blade Runner”. Istintivamente guardo fuori e vedo un hangar sul quale campeggia un enorme logo “Emporio Armani”, proprio come nel film dove sulle facciate dei palazzi fatiscenti e sui giganteschi dirigibili, che sorvolavano la metropoli californiana, campeggiavano pubblicità di ogni genere, mai pezzo trasmesso a bordo di un aereo era stato così azzeccato.
Passano alcuni minuti ed il comandante si rifà vivo per scusarsi poiché dalla torre di controllo non è ancora arrivata l’autorizzazione per il decollo. Ahi, ahi si perde qualche colpo!

H 18.20: Assistenti di volo armare gli scivoli
Finalmente ci muoviamo e dopo un lungo rullaggio raggiungiamo la testata pista, la imbocchiamo, l’aeroplano aumenta la velocità e alle 18.27 si alza in volo…finalmente. In un attimo siamo in quota e Milano vista dall’alto ricorda proprio Los Angeles 2019 con le sue luci gialle, il suo impianto viario, i palazzi illuminati che si perdono nel buio della notte.
Nella procedura per il decollo colgo una piccola sottile differenza tra l’Airbus dell’Alitalia e quello dell’Air One. Quest’ultimo non “prende la rincorsa” già prima di entrare in pista, ma segue una procedura più classica ovvero imbocca la pista e poi acquista velocità. Niente in confronto alla tecnica di una volta, quando l’aeroplano si fermava all’inizio della pista, mandava i motori al massimo e poi si lanciava. Che botta di adrenalina!

H 18.44: Benvenuti alla trattoria “l’Airone”
Stiamo a metà strada tra Pisa e Livorno, due macchie di luce dalle forme irregolari unite da un filo luminoso, la strada che collega le due città ed è giunto il momento dello spuntino: caffè con canestrelli.
E allora benvenuti alla trattoria l’Airone dove le camicie sono un po’ stropicciate, dopotutto siamo a fine giornata, i piatti semplici, la cucina casereccia (non chiedete pietanze raffinate se no passate per pariolini o sanbabilini), ma in compenso il personale è affabile ed il clima rilassato. Come se foste a casa vostra, plane sweet plane.
George è simpatico, scherza con una passeggera che si trova una fila davanti la mia facendole notare che non ha molto senso prendere il caffè senza zucchero se poi si mangia assieme dei grassissimi canestrelli.
George hai perfettamente ragione. Tu la passeggera non la vuoi tutta ciccia e brufoli! Ma, allora, al posto dei canestrelli potremmo avere dei sanissimi spaghetti alla matriciana, due spaghi vanno sempre bene, in alternativa dei rigatoni con la pagliata o l’abbacchio scottadito? Non è possibile? Non entrano nel forno a microonde? Pazienza, George, mi contento lo stesso, sorseggio il mio caffè, tenendolo ben fermo…perché si balla. Lo spirito di Murphy aleggia sempre nell’aria quando ci sono delle bevande calde.

H 19.00: Si inizia a scendere
Siamo su Civitavecchia e la discesa avviene in modo un po’ brusco, me ne accorgo dalla pressione che avverto nelle orecchie. Altra differenza di stile: i piloti dell’Air One hanno l’abitudine di scendere bruscamente di quota, il timpano ne sa qualcosa e a noi poveri passeggeri tocca deglutire per compensare. Uno stile che ho incontrato, ahimè, anche su alcuni voli effettuati con la Lufthansa, un retaggio di famiglia?

H 19.09: Virata panoramica
L’avvicinamento non è molto lineare. Stiamo girando attorno all’aeroporto, passando su Fiumicino, Ostia, Castel Fusano ed infine eseguiamo un’ampia virata panoramica che ci porta a sorvolare il mare, volando paralleli alla costa.
La virata mi permette di capire che non siamo soli, dietro di noi ci sono altri punti luminosi, posti a distanza regolare, altri aeroplani che seguono il medesimo percorso. Evidentemente il vento deve essere cambiato perché stiamo per atterrare in un modo insolito, anziché imboccare la pista da nord (Fregene) la prendiamo da Sud (Ostia Lido).
In rapida sequenza e sempre più vicini al terreno, passiamo sull’Isola Sacra, sfioriamo (si fa per dire) il complesso residenziale di parco Leonardo, dove le case dispongono di rifiniture di lusso e “vista panoramica sull’aeroporto”, e con un ultimo balzo ci avviciniamo al suolo e alla pista che tocchiamo alle 1915.
A terra ci aspetta un autobus, un tuffo vintage nel passato, quando potevi ammirare l’aeroplano da vicino senza venire arrestato, e subito raggiungiamo l’uscita. E’ buio e fino a domani mattina non voglio più pensare agli aeroplani, ne ho la testa piena, almeno fino alle 06.30 circa quando sentirò il rombo dei motori di uno sconosciuto velivolo che si prepara ad atterrare a Fiumicino. E per me sarà di nuovo giorno.
Andrea Coco

di: Andrea Coco
tratto da: cybernaua.it
 
di Riccardo Sardeni del 19/12/2009 ore 23:26:41, in Air News, linkato 738 volte
 

In questo numero:


ALITALIA E AEROFLOT SOTTOSCRIVONO UN PROTOCOLLO D'INTESA
INAUGURATA CAPPELLA ECUMENICA ALL'AEROPORTO DI NAPOLI
NUOVI CODESHARE DI ALITALIA E DI AIR ONE PER LONDON CITY, SVIZZERA E FRANCIA
SCIACCHITANO CONFERMATO PRIMO VICE PRESIDENTE DELL’ASSEMBLEA DI EUROCONTROL

 


ALITALIA E AEROFLOT SOTTOSCRIVONO UN PROTOCOLLO D'INTESA 

Alitalia e Aeroflot hanno sottoscritto, giovedì 3 dicembre, un Protocollo di Intesa a margine dell’incontro ufficiale tra il Presidente della Federazione Russa Dmitry Medvedev e il Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Silvio Berlusconi. Il documento riflette l’intenzione di entrambe le Compagnie di sviluppare gli attuali accordi bilaterali e la cooperazione esistente.

L’obiettivo è quello di sviluppare nuove rotte e frequenze tra l’Italia e la Federazione Russa e dare vita a un ampio ventaglio di accordi di codesharing su destinazioni domestiche, internazionali e intercontinentali (i collegamenti operati da Alitalia per l’Africa, il Medio Oriente e l’America Latina potrebbero includere il codice di Aeroflot
mentre i collegamenti di quest’ultima verso l’Asia potrebbero includere il codice di Alitalia). Tali sviluppi consentirebbero ad Alitalia e ad Aeroflot di rafforzare la loro presenza sui rispettivi mercati.

Alitalia e Aeroflot intendono quindi collaborare più strettamente alla pianificazione delle rotte tra la Russia e l'Italia, alla definizione di procedure congiunte di prenotazione, al fine di incrementare l’interconnessione tra i rispettivi network, alla definizione di strategie congiunte di promozione e di vendita, in modo da aumentare i flussi di passeggeri business e leisure tra i due Paesi.

Le due Compagnie intendono anche estendere il reciproco accesso ai rispettivi programmi di fidelizzazione e armonizzare gli standard di qualità del servizio a beneficio dei clienti, indipendentemente dal vettore che opera la rotta. Alitalia e Aeroflot hanno in programma anche collaborazioni nei settori dell’information technology, charter e cargo, nonché in altri ambiti di attività delle due Compagnie.

Alitalia e Aeroflot istituiranno modalità di governance finalizzate a una collaborazione più stretta ed efficace, con l’obiettivo di conseguire rapidamente risultati positivi per le Compagnie e per i loro clienti. Alitalia e Aeroflot vantano una cooperazione di lunga data basata su accordi bilaterali quali il codesharing, accordi di interline, accordi di interline e-ticketing e sono entrambi membri importanti dell’alleanza SkyTeam.

Attualmente Alitalia e Aeroflot offrono voli in codeshare tra Mosca e Roma, Milano, Venezia e Torino. La sottoscrizione del Protocollo d’Intesa inaugura una nuova stagione nello sviluppo della collaborazione commerciale tra i due Vettori e contribuisce in modo significativo al progresso delle relazioni fra Italia e Federazione Russa.



INAUGURATA CAPPELLA ECUMENICA ALL'AEROPORTO DI NAPOLI
La cerimonia religiosa è stata officiata da S. EM. Cardinale Crescenzio Sepe con i rappresentanti delle confessioni cristiane

Mercoledì 2 dicembre si è svolta alla presenza delle autorità, della stampa e dell’intera comunità aeroportuale, la cerimonia d’inaugurazione della cappella ecumenica* dell’aeroporto di Napoli.

La celebrazione religiosa - “liturgia della parola” -  è stata officiata da S. EM. Cardinale Crescenzio Sepe assieme a tutti i rappresentanti ecumenici, i pastori  delle varie confessioni religiose (luterani, ortodossi, evangelici ecc.).

L’idea-progetto della cappella è nata in collaborazione con l’Arcidiocesi di Napoli, in piena sintonia con l'impegno del Cardinale Sepe degli ultimi anni, teso da sempre a promuovere il "dialogo interreligioso". Ricordiamo che il Cardinale ha promosso, Il 21 ottobre del 2007, l’incontro a Napoli dei capi di tutte le religioni del mondo, nello spirito del I incontro di Assisi con il compianto Giovanni Paolo II. 

Le cappelle ecumeniche sono presenti nei principali scali italiani (come Milano, Orio al Serio, Venezia, Torino, Verona) ed europei, rappresentando sia un luogo di culto e di raccoglimento per tutti i passeggeri e turisti in transito che un vero e proprio servizio pastorale per l’intera comunità aeroportuale.

La cappella ecumenica sarà aperta da oggi, tutti i giorni - compresi quelli festivi - dalle ore 9.00 alle ore 18.00, ed è stato designato dall’Arcidiocesi di Napoli Don Mario Cinti, rappresentante del Gruppo Interconfessionale di attività ecumeniche di Napoli, come cappellano aeroportuale che coordinerà tutte le attività religiose delle varie confessioni.
 
L'aeroporto di Napoli è uno scalo internazionale e da oggi si arricchirà, con la cappella ecumenica, di un apposito spazio di ascolto e preghiera, che ospiterà tutte le confessioni cristiane (cattolico romani, luterani, ortodossi, anglicani, calvinisti) a disposizione di tutti i passeggeri.

*Breve Nota Cappella Ecumenica
Si definisce ecumenico un luogo dove possono trovare ospitalità i credenti appartenenti a tutte le confessioni cristiane. Si tratta di un luogo avente caratteristica di quiete e silenzio, in cui tutti possono trovare ascolto. Soprattutto gli arredi e gli elementi donati dalle varie espressioni cristiane: altare, croce, l'ambone per la parola rappresentano tutti simboli che riconducono all'unita' della fede cristiana.



NUOVI CODESHARE DI ALITALIA E DI AIR ONE PER LONDON CITY, SVIZZERA E FRANCIA
Alitalia e Air One ampliano la propria offerta commerciale con nuovi accordi di codeshare per i collegamenti tra Milano Linate e London City, tra Italia e Svizzera e tra Italia e Francia.

Grazie all’abbinamento del proprio codice di volo ai collegamenti effettuati dal vettore svizzero Baboo, Alitalia potenzia l’offerta da e per la Svizzera con ulteriori 30 frequenze settimanali. Sulla rotta Roma-Ginevra si passa da due a quattro voli giornalieri (ad eccezione del Sabato e della Domenica quando i voli giornalieri saranno tre). In base all’accordo con Baboo, Alitalia collegherà con Ginevra anche gli aeroporti di Milano Malpensa e Venezia (con 6 frequenze settimanali ciascuno) e quelli di Napoli e Firenze (con tre frequenze settimanali ciascuno).

Questo accordo prevede anche il codeshare sui collegamenti Milano Malpensa - Marsiglia (6 frequenze settimanali) e Venezia - Nizza (una frequenza settimanale).

Dal 7 dicembre, inoltre, per i voli di Air One fra Milano Linate e London City, sarà attivo anche l’accordo di codeshare con Air France che aggiunge così questo collegamento alla sua offerta. Questi voli sono effettuati con due frequenze al giorno dal Lunedì al Venerdì e una la Domenica.  Alitalia serve oggi direttamente 73 destinazioni in Italia e in altri 35 paesi con 2300 frequenze settimanali su 131 rotte. La Compagnia ha inoltre accordi di collaborazione con 25 compagnie aeree per servire in codeshare oltre 200 destinazioni nel mondo.



Gli accordi di codeshare consentono ai clienti di Alitalia:
− di guadagnare miglia su un numero maggiore di collegamenti;
− di poter usufruire di una maggiore disponibilità e combinabilità di frequenze, in andata e ritorno, su tratte già operate direttamente;
− di poter effettuare un check-in unico per voli in coincidenza, senza la necessità di ritirare e imbarcare nuovamente i bagagli presso gli scali intermedi.




SCIACCHITANO CONFERMATO PRIMO VICE PRESIDENTE DELL’ASSEMBLEA DI EUROCONTROL

L’ENAC informa che il Vice Direttore Generale, Salvatore Sciacchitano, è stato confermato Primo Vice Presidente dell’Assemblea (Provisional Council) di Eurocontrol, l’organizzazione europea fondata nel 1960 per la gestione della navigazione aerea e di cui l’Italia è parte dal 1995.

All’interno di Eurocontrol, organismo paneuropeo che riunisce 38 Paesi membri, il Provisional Council è l’organo di amministrazione responsabile, tra l’altro, dell’implementazione e della supervisione degli atti adottati.



La conferma del Vice Direttore dell’ENAC giunge a pochi giorni dall’introduzione del secondo pacchetto del Cielo Unico Europeo che prevede una serie di nuovi requisiti rispetto al primo pacchetto che risale al 2004, tra cui l’obbligo degli Stati membri dell’Unione Europea di costituire delle aggregazioni di spazio aereo – i cosiddetti blocchi funzionali – entro il 2012 al fine di migliorare la struttura delle rotte aeree e garantire un maggior rispetto per l’ambiente anche con il contenimento dei consumi di carburante.


Nel contesto attuale, e soprattutto nella prospettiva di sviluppo delle settore e
dell’industria aeronautica, è importante la presenza dell’Italia tra i vertici di Eurocontrol anche per il rilievo assunto dal nostro Paese come leader nella gestione del traffico aereo nel bacino del Mediterraneo.

L’Ingegner Sciacchitano che ha assunto l’incarico di Vice Presidente del Provisional Council di Eurocontrol nel 2007, ha ricoperto anche altre funzioni internazionali, tra cui, per tre anni, in ruolo di Chairman all’interno delle JAA Committee, organo di governo delle JAA - Joint Aviation Authorities -, l’associazione che riuniva le autorità di regolamentazione dell’aviazione civile europea prima dell’istituzione dell’EASA, l’Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea.

 
di Riccardo Sardeni del 12/12/2009 ore 18:45:19, in Air News, linkato 615 volte
 
Il 10 dicembre scorso a Ronchi del Legionari, nella Sala Riunioni della Tenuta di Blasig (antica azienda vinicola che risale al 1788) l'Associazione Arma Aeronautica di Monfalcone ha premiato quale "Personaggio aeronautico 2009" il com.te Adalberto Pellegrino.

Diplomato nel 1954 all’Istituto Malignani di Udine Pellegrino ha poi frequentato il biennio d’ingegneria all’Università di Trieste prima di passare all’Aeronautica Militare dove ha militato quale Ufficiale pilota dal 1956 al 1958.

Dal 1958 al 1994 è stato in Alitalia percorrendo tutta la carriera di pilota commerciale, totalizzando 21.600 ore di volo di linea, 840 ore di voli addestrativi e oltre 700 doppie traversate atlantiche.Dal giugno 1996 al giugno 2000 è stato Presidente dell’Aeroporto Friuli Venezia Giulia S.p.A. e dal luglio del 2.000 al dicembre 2005 è stato il coordinatore tecnico operativo e portavoce ufficiale dell’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo.
 
Carlo d'Agostino
giornalista aeronautico
 
di Ricardo Baldassarre del 04/12/2009 ore 22:04:33, in Air News, linkato 652 volte
 
La Compagnia di Hong Kong annuncia oggi l’apertura del nuovo volo da Milano


Milano, 4 dicembre 2009 – Cathay Pacific Airways lancia ufficialmente il volo passeggeri da Milano e inizia il countdown che si concluderà il 28 marzo 2010, data designata per l’inaugurazione del nuovo operativo.

Una notizia attesa da tempo. Dopo il raddoppio dell’operativo voli cargo da Malpensa avvenuta lo scorso febbraio, l’apertura della nuova rotta passeggeri Milano/Hong Kong, non fa che riconfermare il commitment della Compagnia nei confronti di questo mercato e il suo costante impegno nel rafforzamento del proprio network.

“Siamo davvero soddisfatti - dichiara Tony Tyler, Chief Executive di Cathay Pacific Airways - del lancio della nuova rotta verso questa città attiva e dinamica. Prevediamo di poter contribuire a far diventare Milano una destinazione di primaria importanza per i viaggiatori business e leisure provenienti dall’Asia. Si tratta dell’unico volo diretto tra queste due importanti capitali della finanza e del business, ed i passeggeri del Nord Italia potranno finalmente apprezzare la forza del nostro network beneficiando  dell’incredibile offerta di connection attraverso l’hub di Hong Kong, uno tra i migliori al mondo.”

Il volo sarà operato quattro volte la settimana da Boeing 777-300ER nella configurazione con le tre celebri nuove classi. Un servizio che rafforzerà in maniera distintiva la presenza della Compagnia in Europa garantendo ai passeggeri un’ampia flessibilità per i viaggi tra l’Italia e Hong Kong e altre destinazioni in Asia e Australasia.

“Attendevamo da tempo questo passaggio importante per l’espansione del mercato italiano - aggiunge Chris Daniells, Country Manager Italia della Compagnia – e siamo orgogliosi di garantire anche in questa occasione un prodotto eccellente: un volo con Boeing 777-300ER, introdotto per la prima volta su una rotta europea, con tutto il comfort della configurazione ottimale delle classi Cathay. Da oggi - continua Daniells - tutte le nostre energie e i nostri sforzi, miei e del mio team, saranno indirizzati e concentrati al rafforzamento del business dall’Italia.”

Silvia Tagliaferri, Direttore Commerciale Italia & Malta Cathay Pacific, in occasione dell’annuncio ha dichiarato: “Impegnata da anni in prima linea in questa direzione, non posso che accogliere con grande entusiasmo la conferma ufficiale della notizia. Sono certa che il nuovo volo da Milano Malpensa darà un grande impulso al potenziamento della Compagnia sul mercato italiano e consoliderà la posizione dell’aeroporto Hong Kong nel contesto internazionale. Cathay Pacific non poteva che cogliere questa opportunità.”

Cathay Pacific ha aperto il primo volo dall’Italia, da Roma, nell’aprile del 1986 e al momento la Compagnia opera un volo passeggeri giornaliero da Roma e sei voli cargo alla settimana da Milano. Dal prossimo 28 marzo raggiungerà un totale di 11 voli passeggeri la settimana dall’Italia e Milano diventerà la quarantasettesima destinazione del network passeggeri della Compagnia.

Volo Da A Partenza /Arrivo Giorni di operatività
CX235 HKG MXP 0005/0735 Lun, Mer, Ven, Dom
CX216 MXP HKG 1325/0700+1 Lun, Mer, Ven, Dom

Per ulteriori informazioni: www.cathaypacific.com

BONOMI: CON L’ARRIVO DI CATHAY, MALPENSA CONFERMA LE SUE POTENZIALITÀ
Prosegue l’importante recupero di voli intercontinentali e di passeggeri.

Milano 4 dicembre 2009 - E’ con grande soddisfazione che annunciamo il nuovo collegamento per Hong Kong della Cathay Pacific, compagnia aerea fra le più prestigiose al mondo.
Il nuovo servizio offerto dalla Cathay Pacific è un altro risultato del lavoro che Sea ha portato avanti in questi mesi con il determinante supporto del Sindaco Moratti e in collaborazione con Enac, Ministero dei Trasporti e degli Affari Esteri per la liberalizzazione degli accordi bilaterali.

Il volo per Hong Kong costituisce una importante opportunità per i passeggeri del Nord Italia che potranno raggiungere direttamente un’area economica di grande importanza e potenzialità e offrirà un nuovo accesso per le principali destinazioni orientali come l’Australia, la Nuova Zelanda, il Giappone e la Corea.

L’arrivo del volo passeggeri della Cathay Pacific rappresenta un altro passo importante per ridare a Malpensa il ruolo di base per i voli intercontinentali diretti che si aggiunge ai segnali soddisfacenti raggiunti relativamente al recupero del traffico. A novembre, infatti, Malpensa ha registrato un incremento di passeggeri pari al 2%. Un dato positivo e in netta controtendenza rispetto ai grandi aeroporti europei che invece segnano, per lo stesso periodo, pesanti flessioni. Malpensa è quindi uno dei pochi aeroporti europei medio-grandi a crescere nonostante la crisi. Importante dato positivo anche nel settore del trasporto cargo. Recuperati i dati negativi dei primi mesi del 2009 (-45% a gennaio), a novembre il trend mensile del traffico sullo scalo ha fatto registrare un +22,8%.
 
di Riccardo Sardeni del 28/11/2009 ore 16:24:08, in Air News, linkato 751 volte
 
In questo numero:

TURKISH AIRLINES FIRMA ORDINE PER L'ACQUISTO DI TRE  A330-300
NUOVI ORDINI PER GLI AEROMOBILI AIRBUS
AIRBUS SIGLA CONTRATTI PER 5,3 MILIARDI DI DOLLARI AL DUBAI AIR SHOW
FINNAIR CELEBRA I 10 ANNI DI APPARTENENZA ALL'ALLEANZA ONEWORLD

 




TURKISH AIRLINES FIRMA ORDINE PER L'ACQUISTO DI TRE  A330-300

E sigla un impegno d’acquisto per due A330F

Turkish Airlines ha siglato un contratto per l’acquisto di tre ulteriori Airbus A330-300, portando il numero totale di aeromobili A330-300 ordinati dalla compagnia a 10. La compagnia opererà gli aeromobili, nella configurazione a due classi e con una capacità di 319 posti, sulle rotte a medio raggio ad alta densità. Gli aeromobili, con consegna prevista a partire da settembre 2010, saranno equipaggiati con motori Rolls-Royce. Con la firma di un impegno d’acquisto, Turkish Airlines pianifica inoltre di acquistare due aeromobili A330-200 in versione cargo, l’A330-200F, al fine di prepararsi ad affrontare una futura espansione e rinnovare l’attuale flotta composta da aeromobili A310.

Turkish Airlines opera aeromobili Airbus sin dal 1985 e attualmente ha una flotta di 67 Airbus, che include quattro A310, 47 Airbus della Famiglia A320, sette A330 e nove A340.

Il bimotore A330 è uno degli aeromobili wide-body più utilizzato ad oggi in servizio. Airbus ha totalizzato più di 1.000 ordini per questo modello di aeromobile e più di 600 A330 sono operativi nel mondo con 80 clienti e operatori. La flotta di A330 ha raggiunto quasi 14 milioni di ore di volo e serve circa 300 destinazioni nel mondo.

Con un’offerta di carico superiore rispetto alle previsioni iniziali, l’A330-200F offre due differenti configurazioni a seconda della destinazione d’uso. L’aeromobile può trasportare 64 tonnellate con un’autonomia di 7.400km/4.000nm, o 69 tonnellate per 5.930km/3.200nm. Questa autonomia e capacità di carico permetteranno agli operatori di far crescere le proprie attività aprendo nuove rotte o estendendo quelle già operate. Grazie al diametro di fusoliera ottimizzato, l’A330-200F offre una flessibilità di carico che permette di trasportare pallet e container di diverse dimensioni per una massima capacità di trasbordo, offrendo il 30% in più di volume di carico rispetto a qualsiasi altro aeromobile cargo della sua categoria. Il totale ordini è di 67 aeromobili per nove clienti.



NUOVI ORDINI PER GLI AEROMOBILI AIRBUS

Airbus annuncia nuovi importanti ordini da parte di tre
clienti. Ethiopian Airlines, ha firmato un contratto con Airbus per l’acquisto di 12 aeromobili A350 XWB. Yemenia, vettore ufficiale dello Yemen, ha siglato una Lettera di intenti (MoU) per l’acquisto di 10 aeromobili della Famiglia A320, mentre Comlux ha firmato un ordine fermo per l’acquisto di un terzo Airbus ACJ.


ETHIOPIAN AIRLINES
Grazie a questo nuovo ordine da parte di Ethiopian Airlines, a meno di tre anni dal lancio del programma A350 XWB, il totale ordini per questa Famiglia ha raggiunto i 505 aeromobili. Ethiopian Airlines, nuovo cliente di Airbus che attualmente conta oltre 300 operatori, utilizzerà gli aeromobili A350 XWB dal proprio hub di Addis Abeba sulle rotte verso l’Europa, gli Stati Uniti e l’Asia.

L’A350 XWB è la risposta di Airbus alla domanda del mercato per una famiglia di aeromobili wide body di media capacità per il medio e lungo raggio. Con un’autonomia fino a 8.300nm/15.400km, è disponibile in tre versioni base per il trasporto passeggeri. Ad oggi gli ordini per l’A350 XWB si attestano a 505 aeromobili per 32 operatori.

YEMENIA AIRLINES
La Lettera di Intenti (MoU) siglata da YEMENIA AIRLINES, vettore ufficiale dello Yemen con sede a Sanaa, per 10 aeromobili A320 è stata firmata in occasione del Dubai Air Show 2009. Gli A320 della compagnia avranno una confortevole configurazione a due classi, 12 posti in Business Class e 138 in Economy. Gli aeromobili saranno impiegati per migliorare ed espandere le rotte regionali e quelle verso l’Africa, l’India e l’Europa. La flotta Yemenia include attualmente due A330-200 e tre A310. Durante l’ultimo Dubai Airshow del 2007, la compagnia ha inoltre siglato un ordine per l’acquisto di 10 Airbus A350 XWB.

Con più di 6.400 aeromobili venduti e oltre 300 clienti e operatori in tutto il mondo, la Famiglia A320 è la più venduta a mondo nel proprio segmento. Grazie alla provata affidabilità e a lunghi periodi di servizio, la Famiglia A320 offre costi operativi più bassi di ogni altro aeromobile a corridoio singolo. Unica nel suo segmento, la Famiglia A320 offre un sistema di trasporto merci pallettizzato, compatibile con il sistema standard wide-body a livello mondiale.

COMLUX
Grazie a questo ultimo ordine, Comlux porta il numero totale dei propri corporate jet Airbus a quota 10 (quattro A318, tre Airbus ACJ, due A320 Prestige e un A330-200 Prestige), diventando il cliente più importante di Airbus per la Famiglia ACJ.

Alcuni degli aeromobili saranno destinati a operatori privati e altri verranno utilizzati per charter VVIP, come nel caso di questo ultimo aeromobile ordinato.

La Famiglia ACJ, che comprende l’A318 Elite, Airbus ACJ e A320 Prestige, è dotata della più ampia, più alta e più confortevole cabina della sua categoria, offrendo uno spazio quasi due volte più ampio rispetto ai tradizionali business jet.

Più di 160 Airbus corporate jet sono stati venduti nel mondo, di cui più di 100 sono aeromobili A318 Elites, ACJ e A320 Prestige, e circa 50 sono aeromobili widebody destinati a VIP e governi.




AIRBUS SIGLA CONTRATTI PER 5,3 MILIARDI DI DOLLARI AL DUBAI AIR SHOW

Gamma efficiente di prodotti per una crescita a lungo termine dell’industria

Durante il Dubai Air Show 2009 Airbus ha firmato contratti per la propria vasta gamma di prodotti per un totale di 33 aeromobili, dal valore complessivo di oltre 5,3 miliardi. Gli accordi includono ordini fermi per 15 aeromobili per un valore di oltre 3,6 miliardi di dollari, e Lettere di intenti (MoU) per altri 18 aeromobili dal valore totale di 1,7 miliardi di dollari.

Momenti importanti del salone sono stati gli ordini per i nuovi prodotti Airbus: due A380 per un valore di 655 milioni di dollari da Air Austral e 12 Airbus A350-900 per un valore di 2,9 miliardi di dollari da parte di Ethiopian Airlines. A questi si aggiunge un ordine fermo per un Airbus Corporate Jet (ACJ) del valore di 75 milioni di dollari siglato da Comlux.

Le Lettere di intenti (MoU) includono: 10 Airbus A320 per un totale di 770 milioni di dollari da parte di Yemenia Airlines; quattro A320 più due A330-200 del valore complessivo di 670 milioni di dollari da parte di Senegal Airlines; e un A320 più un A330-200 del valore di 258 milioni di dollari da Nepal Airlines.

A Dubai Airbus ha inoltre annunciato il lancio delle “Sharklet”, le nuove appendici aerodinamiche alari appositamente disegnate per la Famiglia A320 che hanno il compito di ridurre il consumo di carburante di circa il 3,5 % e migliorare sia il rapporto carico-autonomia e le prestazioni in salita. Air New Zealand è il cliente di lancio per le "Sharklet",  che saranno presenti su tutta la futura flotta di A320.

“Abbiamo avuto un buon riscontro qui all’Air Show, meglio di quanto ci aspettassimo. Ma la nostra industria non è ancora fuori dalla crisi. Abbiamo davanti un inverno difficile, ma grazie agli accordi firmati qui a Dubai e all’interesse mostrato verso i nostri prodotti, la primavera non sembra essere così lontana”, ha dichiarato John Leahy, COO Clienti di Airbus.

Il successo di Airbus si fonda su un design innovativo, che ha dato all’azienda la Famiglia di aeromobili più moderna del mondo in ogni singola categoria, da 100 a 525 posti.



FINNAIR CELEBRA I 10 ANNI DI APPARTENENZA ALL'ALLEANZA ONEWORLD

Il 1° settembre Finnair ha celebrato i 10 anni dall’entrata nell’alleanza oneworld. Finnair è diventato un membro di oneworld nel settembre del 1999, l’anno in cui è stata fondata l’alleanza. L’appartenenza all’alleanza è cresciuta nel tempo, passando dalle cinque compagnie aeree fondatrici fino ad arrivare agli attuali 10 membri (American Airlines, British Airways, Cathay Pacific, Finnair, Iberia, Japan Airlines, LAN, Malév Hungarian Airlines, Qantas e Royal Jordanian) oltre a circa 20 compagnie ausiliarie, compresa l’American Eagle, Dragonair, LAN Argentina, LAN Ecuador e LAN Peru. Quest’anno, inoltre, la compagnia aerea messicana Mexicana si unirà all’alleanza, per essere seguita il prossimo anno dalla compagnia aerea russa S7 Airlines. Le compagnie oneworld hanno trasportato 330 milioni di passeggeri lo scorso anno.

“I membri dell’alleanza oneworld hanno portato enormi vantaggi ai clienti Finnair, dato che Finnair è in grado di offrire collegamenti per circa 700 destinazioni e un network di servizi così come benefici per i frequent-flyer su tutti i voli delle compagnie aeree di oneworld”, ha affermato Tuula Hannuksela, Direttrice di Finnair Italia.

A partire da giugno è diventato possibile prenotare i voli di tutte le compagnie
aeree appartenenti a oneworld tramite il sito Finnair. “Il numero delle città disponibili sul motore di ricerca ha raggiunto quota 160.000”, ha spiegato Tuula Hannuksela.

All’indirizzo www.oneworld.com, inoltre, i clienti possono prenotare e acquistare i biglietti round-the-world per rotte che coinvolgono più di un membro dell’alleanza. oneworld ha introdotto il motore di ricerca nel dicembre 2008, ed è stata la prima alleanza a farlo. oneworld è l’unica alleanza a coprire interamente il network australiano, ad avere come partner una compagnia aerea del sud America e una compagnia del Medio Oriente. Quest’alleanza di vasta portata favorisce viaggi efficienti e l’utilizzo di rotte dirette, fattore che permette di ridurre le emissioni generate dai viaggi.

Per i clienti, l’appartenenza all’alleanza è anche una garanzia di qualità. Infatti, l’alleanza oneworld richiede ai propri membri requisiti specifici che devono essere soddisfatti, e che sono continuamente monitorati. oneworld si focalizza, per esempio, sulle procedure di check-in messe in atto dai propri membri, sulle lounge, sulle partenze degli aerei, sullo staff a bordo, sui pasti, sulla comodità dei sedili, sulla puntualità, sull’intrattenimento a bordo, sulla pulizia dell’aereo e sui bagagli. In questo modo si salvaguarda la reputazione dell’alleanza e si è in grado di offrire un ottimo servizio ai propri clienti attenti alla qualità. Inoltre, tutte le compagnie aeree che appartengono all’alleanza si pongono obiettivi specifici per la tutela dell’ambiente.

Per celebrare l’avvenimento, l’alleanza offre il 10% di sconto per 10 settimane, fino al 3 di novembre. Le offerte speciali sono valide sul oneworld round-the-world, sulle visite e sui prodotti dell’alleanza.


 
di Ricardo Baldassarre del 06/11/2009 ore 22:44:27, in Air News, linkato 662 volte
 
Milano, 5 novembre 2009 – Molte le novità per la stagione invernale 2009 a Malpensa. Numerosi, infatti, i nuovi vettori che hanno scelto lo scalo lombardo o quelli già presenti che hanno deciso di incrementare le proprie frequenze.

Tra i nuovi vettori la compagnia di bandiera SriLankan Airlines collegherà direttamente Malpensa con la città di Colombo con 2 voli settimanali da dicembre. Altri 4 vettori europei hanno scelto Malpensa per l’inverno: la compagnia svizzera Baboo ha appena inaugurato un servizio di 12 voli settimanali per Ginevra e Marsiglia, su cui anche Twin Jet ha appena incrementato l’offerta con ben 15 voli settimanali.

La compagnia lituana Star 1 Airlines attiverà dal prossimo 21 novembre 2 collegamenti settimanali per la capitale Vilnius.

Albanian Airlines dal prossimo 15 novembre, dopo anni di assenza, ha deciso di tornare a volare da Malpensa con 3 servizi settimanali su Tirana.

Air Dolomiti, infine, ha attivato 2 nuovi collegamenti giornalieri su Salerno e Perugia.

Tunis Air, invece, oltre a incrementare le frequenze settimanali da 2 a 5 su Tunisi, ha inaugurato la rotta su Tozeur con due collegamenti settimanali.

Per rimanere in ambito Mediterraneo, la Grecia sarà più facilmente raggiungibile da Milano grazie alla nuova rotta della compagnia greca Aegean Airlines per Salonicco e, anche, alla neonata Olympic Air che incrementa l’offerta sulla capitale ellenica con 10 voli settimanali.

Oltre a queste novità in termini di nuovi vettori e nuove rotte, cresce in generale nella stagione invernale l’offerta su Malpensa: in oriente aumentano i collegamenti di Saudi Arabia su Jeddah e Riyadh (da gennaio 2010), di Azerbaijan Airlines su Baku e di Royal Jordanian su Amman; nel nord Africa, alla già citata Tunis Air, si aggiungono Egypt Air e Jet4you per il Cairo, Royal Air Maroc per Casablanca. Per l’est europeo la compagnia bielorussa Belavia incrementa i voli su Minsk, Air Moldova su Chisinau e la Rossiya su San Pietroburgo.

La capacità cresce anche sul resto d’Europa grazie all’aumento dell’offerta da parte di easyJet che, con la nuova stagione, porta a 16 gli aeromobili di base al Terminal 2 di Malpensa incrementando i voli su Amsterdam, Barcellona, Berlino, Madrid, Catania, Lamezia Terme e Roma.

Lufthansa Italia conferma l’offerta su 10 destinazioni nazionali ed europee con nuovi orari più flessibili, in particolare per quanto riguarda i collegamenti con Roma Fiumicino.

Continua poi il positivo trend di crescita del cargo con l’ingresso di 2 nuovi vettori all-cargo dai primi giorni di novembre: Saudi Arabian Cargo con un nuovo servizio bisettimanale su Jeddah e Riyadh e Asiana con un altro volo bisettimanale su Seoul. La sussidiaria italiana di Cargolux, Cargolux Italia, prevede di accrescere gli ottimi risultati ottenuti a Malpensa con collegamenti aggiuntivi sull’estremo oriente (Hong Kong, Osaka).

Air China Cargo atterrata lo scorso 23 settembre a Malpensa conferma l’operativo di 3 voli settimanali per Shanghai e Pechino.

A queste novità in termini di vettori e destinazioni, si aggiungono gli incrementi di offerta per servizi già esistenti quali Nippon Cargo, che su Tokyo passa a 5 voli settimanali e Turkish Airlines che su Istanbul aumenta a le 3 frequenze settimanali.
 
di Riccardo Sardeni del 30/10/2009 ore 07:20:39, in Air News, linkato 808 volte
 
In questo numero:
INAUGURATA A TARSHIHA LA “SCUOLA PER LA PACE”
LA CRISI PASSA SE SI INVESTE NELLE INFRASTRUTTURE
ORARIO INVERNALE ALITALIA
ENAC: DATI TRAFFICO AEROPORTUALE 2008
IL CONTRIBUTO DI ALITALIA PER IL RILANCIO DI ATITECH
QATAR AIRWAYS PRIMA AL MONDO A VOLARE CON GAS NATURALE



INAUGURATA A TARSHIHA LA “SCUOLA PER LA PACE”
Grazie ai fondi raccolti dalla onlus “Area Solidarietà Alitalia” e con il patrocinio dell’ “Associazione San Giuliano di Puglia 31 ottobre 2002” e del “Comitato Vittime della Scuola”

E’ stata inaugurata, sabato 24 ottobre, a Tarshiha nell’alta Galilea, nel nord di Israele, la “Scuola per la pace in memoria degli angeli di San Giuliano” alla presenza di rappresentanti dell’ “Associazione San Giuliano di Puglia 31 ottobre 2002”, del “Comitato Vittime della Scuola”, della onlus “Area Solidarietà Alitalia” e delle autorità religiose locali.
 
La scuola elementare, costruita in memoria dei 27 bambini e della loro maestra vittime del crollo della scuola “Francesco Jovine” di San Giuliano di Puglia per il terremoto del 31 ottobre 2002, è stata realizzata grazie ai fondi raccolti dalla onlus “Area Solidarietà Alitalia” e con il patrocinio dell’ “Associazione San Giuliano di Puglia 31 ottobre 2002” e del “Comitato Vittime della Scuola”.

Grazie all’impegno della onlus “Area Solidarietà Alitalia” sono stati raccolti circa 40 mila euro. Questi soldi sono il ricavato della vendita ai colleghi di Alitalia di un cd con la raccolta di poesie in dialetto napoletano scritte da Antonio Parodi, un assistente di volo di Alitalia; tra queste poesie, una, “Gli Angeli di San Giuliano” racconta il dolore provocato dalla tragedia del 31 ottobre 2002.

Roberto Sciortino, Presidente della onlus “Area Solidarietà Alitalia” ha commentato: “Siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione di questa scuola in Galilea in memoria delle vittime di San Giuliano di Puglia. Dopo quattro anni dalla posa della prima pietra finalmente portiamo a compimento questo progetto a cui abbiamo sempre creduto nonostante le grandi difficoltà burocratiche che abbiamo dovuto superare. Il nostro ringraziamento va, prima di tutto, ai dipendenti di Alitalia che hanno acquistato il cd contribuendo alla felicità di molti bambini in Galilea, ad Antonio Parodi che, con la sua poesia, ha dato il via a questo progetto, alla onlus “Associazione San Giuliano di Puglia 31 ottobre 2002” e al “Comitato Vittime della Scuola” che ci hanno sostenuto e ci hanno aiutato affinché il ricordo dei bambini deceduti nella tragedia di San Giuliano di Puglia non venga offuscato, ma possa rivivere nella felicità dei bambini della scuola di Tarshiha”.

La onlus “Area Solidarietà Alitalia” è un’associazione privata e indipendente, costituita da alcuni dipendenti di Alitalia il 26 novembre del 2001, che ha come obiettivo lo sviluppo di progetti umanitari tesi ad aiutare e a dare un futuro sereno ai bambini più sfortunati in ogni parte del mondo.
In Italia “Area Solidarietà Alitalia” è l’unica associazione, all’interno di un’azienda, che si occupa di progetti di solidarietà a favore dell’infanzia. “Area Solidarietà Alitalia” ha già realizzato progetti umanitari a favore dei bambini già in molti paesi del mondo tra cui: Kenya, Ghana, India, Malawi, Senegal, Romania, Congo, Brasile e Argentina.


“LA CRISI PASSA SE SI INVESTE NELLE INFRASTRUTTURE"
Sintesi dell’intervento del Vice Presidente Assaeroporti, Fulvio Cavalleri, al convegno “Il trasporto aereo dopo la crisi”, che si è tenuto presso l’Università degli Studi di Milano

Milano, 26.10.2009 – “In tutte le macro-aree economiche del mondo la ricetta anti crisi, passa attraverso una focalizzazione degli sforzi sulle infrastrutture; è questo l’unico settore a garantire un effetto moltiplicatore sia di ricchezza che di occupazione, e a consentire l’individuazione sul mercato di quelle risorse finanziarie di cui la pubblica amministrazione non dispone.

Anche in Italia la rotta per lo sviluppo transita attraverso uno sforzo massiccio in infrastrutture, specie in quelle in grado di fertilizzare il territorio e quindi di innescare una positiva reazione a catena anche in altri comparti economici.

Nel caso degli aeroporti alla crisi dell’economia mondiale si sommano le conseguenze della crisi Alitalia, che ha provocato globalmente, ma in particolare nei territori oggi privati di collegamenti, una consapevolezza piena del gap infrastrutturale che il nostro paese denuncia rispetto alle realtà direttamente concorrenti degli altri paesi europei.

Il post Alitalia ha fatto del nostro paese quello a livello europeo più aperto alla competizione fra vettori con vantaggi in termini di prezzo a favore dei consumatori passeggeri. I vuoti lasciati da Alitalia sono stati colmati da compagnie, anche low cost, che hanno operato per fare rete.

In questo quadro gli aeroporti emergono come asset centrale di sistema, e quindi come chiave di volta di uno sviluppo possibile. A patto che siano liberati progressivamente da assetti normativi che erano stati pensati e implementati per motivazioni estranee all’operatività aeroportuale: A patto che si consenta loro di trovare sul mercato le condizioni di base per attuare gli investimenti di cui necessitano.

Molti aeroporti sono ancora partecipati o gestiti da soggetti pubblici che non sono in condizione di reperire risorse pubbliche. Di qui la necessità di procedere ad una rimodulazione tariffaria che consenta agli aeroporti di generare sul mercato le risorse di base, attivare un effetto moltiplicatore e attirare investitori internazionali.

In una situazione in cui gli aeroporti italiani hanno tariffe bloccate da 10 anni e quelle attuali si collocano mediamente sotto del 42% rispetto a quelle degli altri aeroporti europei, quella della rimodulazione tariffaria è una scelta di sistema paese, indispensabile per portare a rapida conclusione i contratti di programma.

Una sfida che non riguarda solo il sistema aeroportuale, bensì l’intero paese che da un rilancio degli aeroporti può attendersi una reazione a catena positiva in comparti chiave, come quello della logistica produttiva o del turismo che soffrono a loro volta di un crescente gap di competitività.”


ORARIO INVERNALE ALITALIA
Domenica 25 ottobre entra in vigore il nuovo orario invernale di Alitalia

Il nuovo orario invernale di Alitalia sarà operativo fino al 27 marzo 2010 e cambia la denominazione dei terminal di Fiumicino
Il nuovo orario prevede 2300 frequenze settimanali su 129 rotte e 72 destinazioni in Italia e in altri 35 paesi nel mondo.

In dettaglio, Alitalia volerà verso:
·    23 destinazioni nazionali con 56 rotte e 1525 frequenze settimanali.
·    36 destinazioni internazionali con 58 rotte, 691 frequenze settimanali e con un’organizzazione degli orari dei voli che consentirà anche viaggi di andata e di ritorno per le principali destinazioni europee.
·    13 destinazioni intercontinentali con 15 rotte e 83 frequenze settimanali.

Le novità principali riguardano:
·    l’avvio di nuovi voli internazionali (dal 15 dicembre) da Torino Caselle verso Amsterdam, Istanbul, Mosca e Berlino;
·    il volo Venezia - Catania che aumenterà le frequenze diventando giornaliero.

Prosegue nel frattempo il piano di rinnovo della flotta di Alitalia con l’arrivo di nuovi Airbus A320 e con il progressivo rinnovamento della cabina degli aeromobili già in flotta con poltrone slim di ultima generazione.

Inoltre a partire da domenica 25 ottobre cambia, inoltre, la denominazione dei terminal dell’Aeroporto di Roma Fiumicino.

In particolare:
·    il Terminal A diventa Terminal 1 (T1)
·    il Terminal AA diventa Terminal 2 (T2)
·    i Terminal B e C diventano, unificati, Terminal 3 (T3)
·    il Terminal voli sensibili è confermato Terminal 5 (T5)

E contestualmente, anche i passeggeri dei voli Alitalia per la Francia e l’Olanda operati in code-share con Air France e KLM vengono accettati al Terminal 1.
 

ENAC: pubblicati tutti i dati di traffico aeroportuale dell’anno 2008
Disponibile sul portale Enac l’integrazione dei dati di traffico del 2008 con focus su voli low cost, ripartizione del mercato aereo nazionale ed internazionale, distribuzione del traffico tra compagnie tradizionali e low cost, tratte con maggior numero di passeggeri

L’ENAC informa che sul proprio sito internet è stata aggiornata la pubblicazione relativa ai dati di traffico aeroportuale dell’anno 2008 con nuove informazioni e nuove tabelle. Oltre ai dati già on line – tra cui graduatorie degli scali 2008 per passeggeri, movimenti e cargo, ripartizioni tra aviazione commerciale di linea e non di linea, aviazione generale, voli charter e aerotaxi, Serie Storiche (l’analisi dei dati dei singoli aeroporti negli ultimi 10 anni con i relativi grafici), andamento mensile – sono state inserite le tabelle relative a origine e destinazione delle tratte nazionali ed internazionali, la graduatoria delle tratte più frequentate, la graduatoria dei vettori in base al numero dei passeggeri trasportati e varie tabelle con dati di traffico low cost.
In particolare, vi è la sezione dedicata ai voli low cost in Italia che riporta la ripartizione del mercato aereo italiano tra le compagnie tradizionali e quelle low cost sia in generale, sia suddivisa per singoli aeroporti; tutti i collegamenti low cost dagli aeroporti nazionali; la graduatoria dei primi 50 collegamenti operati da questa tipologia di vettori.

LINK:
http://www.enac-italia.it/La_Comunicazione/Pubblicazioni/info-609975040.html
www.enac.gov.it


IL CONTRIBUTO DI ALITALIA PER IL RILANCIO DI ATITECH
Partecipazione al capitale e affidamento dei servizi di manutenzione pesane.

Con l’accordo, raggiunto mercoledì 14 ottobre a Palazzo Chigi tra Governo, soggetti industriali e parti sociali, Alitalia ha confermato il contributo necessario per garantire la sopravvivenza e per lo sviluppo di Atitech, attraverso impegni di durata quinquennale.

Il primo impegno consiste nella partecipazione di Alitalia, con una quota del 15%, al capitale della NewCo che acquisirà Atitech, insieme a Finmeccanica Spa (10%) e Società Manutenzioni Aeronautiche (Gruppo Meridie, 75%). Il secondo impegno consiste nell’affidamento in esclusiva dei servizi di manutenzione pesante della flotta Alitalia.

La finalizzazione dell’accordo è coerente con gli impegni assunti da Alitalia – Compagnia Aerea Italia con il Governo e le parti sociali, relativi all’operazione di acquisizione di asset di Alitalia - Linee Aree Italiane, ed è subordinata alla definizione del relativo contratto sindacale entro il 20 di ottobre. Per consentire il raggiungimento dell’accordo, Alitalia ha inoltre mantenuto nel corso del 2009 il flusso di forniture a favore di Atitech consentendone la continuità dell’operato industriale.


QATAR AIRWAYS PRIMA AL MONDO A VOLARE CON GAS NATURALE
Una tappa storica: da Londra a Doha il primo volo passeggeri con carburante GTL

Per la prima volta un velivolo passeggeri Airbus A340-600 della flotta Qatar Airways ha effettuato un regolare volo di linea da Londra a Doha, per la durata di 6 ore, con un propellente di nuovissima generazione: una miscela composta per il 50% da cherosene tradizionale e per il 50% da GTL (gas liquido sintetico).

Con questa eccezionale impresa si apre una nuova era nell'uso di energie alternative per il trasporto aereo. Dopo due anni di studi e ricerche condotte al Qatar Science & Technology Park di Doha da un consorzio scientifico internazionale - composto da Qatar Petroleum, Qatar Science & Technology Park, Rolls-Royce, Shell e WOQOD - si è dato vita ad un esperimento pratico che apre nuove prospettive di sviluppo industriale e di  salvaguardia ambientale. Il successo del volo conferma la validità e l'utilità di questa importante iniziativa, di cui Qatar Airways è capofila e protagonista.

L'inizio della produzione su base industriale del nuovo GTL Jet Fuel - come sarà ufficialmente denominato il nuovo carburante alternativo - è previsto a partire dal 2012, con un quantitativo di un milione di tonnellate annuo nel primo periodo. Il nuovo propellente estenderà gradualmente la sua sfera di  utilizzo e si prevede che, nel 2030, verrà usato dal 30% dei velivoli commerciali, con un considerevole risparmio economico e con enormi benefici per la protezione ecologica in considerazione della sua ridotta emissione di elementi tossici e nocivi.

Qatar Airways è orgogliosa di avere promosso, insieme ad un qualificato gruppo di aziende di livello mondiale, questa ricerca sperimentale che, nel giro di soli due anni, si è trasformata in una concreta realtà industriale destinata a modificare sostanzialmente - come ha evidenziato il CEO della Compagnia, Akbar Al Baker - l'intero mondo del trasporto aereo.

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6